Medici di base, deroga per l’isola d’Elba fino a 1800 assistiti

Lo ha chiesto Conferenza dei Sindaci. Ok alla gratuità per trasporto pazienti oncologici

Si è riunita giovedì 15 dicembre la Conferenza dei Sindaci dell’Isola d’Elba sulla sanità. Si è discusso del bilancio sociale e sono state presentate nuove proposte per migliorare l’assistenza e i servizi per i pazienti elbani nell’ultima conferenza dei sindaci per la sanità ( assente il comune di Porto Azzurro). Tra i punti discussi la questione del trasporto dei pazienti oncologici che devono sottoporsi a terapie in ospedali del continente. Questo servizio, come annunciato dal consigliere portoferraiese di minoranza Simone Meloni ed ora confermato dal presidente della conferenza dei sindaci Angelo Zini, non subirà alcun cambiamento e le partenze restano quelle previste fino ad ora, a titolo gratuito. “Sarà valutato con la Regione Toscana il nuovo bando – annuncia il sindaco di Portoferraio – ma a livello di operatività non cambia niente”. All’ordine del giorno anche un protocollo di intesa tra i comuni per la gestione di pazienti in Tso. Anche questo prevede la necessità del trasporto in strutture del continente. E il personale sanitario sarà accompagnato da una pattuglia della polizia municipale che fino ad ora era esclusivamente quella del comune di Portoferraio, anche con pazienti provenienti dal altri comuni elbani. La proposta emersa è quella che in futuro la pattuglia di polizia municipale che accompagna il paziente in strutture ospedaliere fuori Elba sia quella del comune di residenza dell’assistito. E’ stata affrontata inoltre la questione dei medici di medicina generale nel capoluogo elbano . Come accaduto alcuni mesi fa a Marciana anche a Portoferraio potrebbero presentarsi problemi alla luce del fatto che uno dei medici di base attuali si dimetterà. “Attualmente gli assistiti per ogni medico sono 1.500 – spiega Zini – ma il rischio è che nella redistribuzione agli altri medici restino fuori alcune centinaia di assistiti. Per questo è stata presentata la possibilità di ottenere una proroga a questo tetto portando gli assistiti a 1.800”. Ed infine la richiesta di riportare all’Elba la commissione per le patenti speciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Zini incontra l’Asl per fare il punto sulla situazione elbana

Tavola rotonda in Biscotteria su criticità, ottimizzazione e riorganizzazione dei servizi

L’Asl: ripristinato il servizio TAC all’ospedale elbano

"In realtà - ricorda il direttore Genghi - il servizio non era mai stato sospeso"

Incontro fra l’Amministrazione Comunale e i vertici Asl

Si è parlato dei servizi socio - sanitari sul territorio ed in ambito ospedaliero