Il 3 novembre è la Giornata delle riserve della biosfera

Il Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano celebra la Biosfera Mab Unesco

“Foto di Pianosa Roberto Ridi per il PNAT)

L’UNESCO, Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, ha designato il 3 Novembre come “Giornata internazionale della Riserve della Biosfera“, ovvero i territori e le comunità che in tutto il mondo perseguono lo sviluppo sostenibile a livello locale e globale, e che per questo sono state insignite del prestigioso riconoscimento UNESCO nell’ambito del programma “Uomo e Biosfera” (Man and Biosphere- MAB).

Anche la Riserva della Biosfera Isole di Toscana (https://www.isoleditoscanamabunesco.it/), comprendente le sette isole di Capraia, Elba, Giannutri, Giglio, Gorgona, Montecristo, Pianosa e un’ampia porzione di mare che le circonda, intende celebrare questa giornata di cui è protagonista assieme alla grande famiglia MAB UNESCO.

Celebrare la giornata mondiale delle Riserve della Biosfera MAB UNESCO – evidenzia Giampiero Sammuri , Presidente del Parco Nazionale Arcipelago Toscano soggetto coordinatore della Riserva della Biosfera Isole di Toscana – ci offre la possibilità di evidenziare quanto stiamo facendo nell’ambito dell’educazione ambientale, della valorizzazione delle produzioni tipiche e delle qualità umane”

(VIDEO https://youtu.be/KWDQsfQtAWY)

Obbiettivo principale delle Riserve della Biosfera è infatti preservare l’equilibrio tra l’esigenza di creare attività socio-economiche e quella di conservare l’eccezionale natura che le contraddistingue. Le Isole di Toscana ottennero il riconoscimento a Riserva della Biosfera nel 2003 in virtù della straordinaria diversità geologica, geomorfologica, biologica e culturale rappresentativa della regione mediterranea. In questo arcipelago l’uomo, nei secoli, si è integrato con la natura plasmandola e sfruttandone le risorse, e conservando la sua eccezionale geodiversità e la straordinaria biodiversità: qui si trovano, infatti, rare specie endemiche di natura vegetale e animale e una ricca popolazione bentonica ed ittica.

La dimensione internazionale di questo evento – continua il Presidente Sammuri – ci dà l’opportunità di confrontare il nostro operato con quello delle Riserve della Biosfera in tutto il mondo, non certo con spirito competitivo, ma per trarne suggerimenti e stimoli a migliorarsi, così come a cogliere occasioni di partnership e relazioni di alto profilo.

Le Riserve della Biosfera sono infatti una rete mondiale di eccellenze (738 in 141 nazioni) vocate alla sperimentazione e all’innovazione di modelli socio-economici sostenibili, per attuare a livello locale, con progetti concreti, gli obiettivi globali dell’Agenda 2030 dell’ONU. Si tratta di un network estremamente dinamico e collaborativo come dimostrato anche dalle 20 Riserve della Biosfera italiane che spesso sviluppano progetti comuni. Un esempio ne è il concorso eno-gastronomico UPVIVIUM, di cui anche le Isole di Toscana sono partner, che stimola e premia i ristoratori ed i produttori agroalimentari delle Riserve della Biosfera italiane che si impegnano nel proporre menù a filiera corta valorizzando le tipicità dei rispettivi territori.

Negli ultimi anni – illustra Maurizio Burlando – Direttore del Parco Nazionale Arcipelago Toscano – sono stati sviluppati molti progetti concreti sotto l’egida e grazie allo stimolo del riconoscimento a Riserva della Biosfera. Grazie al coinvolgimento di una pluralità di attori, pubblici e privati, impegnati per lo sviluppo sostenibile del territorio, si stanno cogliendo le opportunità connesse a questo importante riconoscimento UNESCO in vari ambiti socio-economici e ambientali: dal turismo, alla ruralità, dalla tutela della biodiversità e degli habitat, all’educazione scolastica e alla ricerca scientifica”

L’impegno per lo sviluppo sostenibile dell’Arcipelago Toscano è stato raccolto nel Piano d’Azione della Riserva della Biosfera, pubblicato nel 2021, dove sono mappati e valorizzati 102 progetti proposti da ben 61 differenti stakeholder.

Questo documento è oggi in fase di aggiornamento annuale e nuovi progetti possono essere segnalati compilando il seguente modulo https://forms.gle/Dq6p1D6umV3FJSfg7 entro venerdì 11 novembre

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Un bilancio della situazione degli incendi all’isola d’Elba

Il Ten. Cipriani dei Carabinieri Forestali: "Situazione positiva ma occorre prevenire"

Zini: “Molto bene la proroga per il tribunale elbano al 2023”

Ora l'impegno è di presentare una proposta per la stabilizzazione della sede distaccata

Presentato il nuovo Piano per la Prevenzione degli incendi

Una strategia per mettere in sicurezza le zone più a rischio di tutta l'isola d'Elba