Riscaldamento, arriva la stretta. Ecco che cosa prevede

Secondo il decreto modi e tempi di accensione degli impianti nella zona climatica C

Temperature gradevoli, quasi tutti giorni sole e vestiario primaverile se  non estivo. Questa la situazione metereologica del momento. Presto, a detta delle previsioni, le temperature si abbasseranno e torneranno su livelli stagionali, allora arriverà il freddo. Il ”Caro Bollette” gas e energia fa paura e per risparmiare, l’attuale (ancora per poche ore) ministro della transizione ecologica, Roberto Cingolani ha firmato nei giorni scorsi un decreto che ha diviso i comuni della regione per fasce ( la nostra è la C) nel quale si prevede che le nostre case dovranno essere riscaldate con un grado di temperatura in meno rispetto agli altri anni, per un’ora in meno al giorno e quindici giorni dopo la canonica partenza dell’accensione dei riscaldamenti. In sintesi: Fino allo scorso anno accendevamo i termosifoni dal 15 Novembre al 31 Marzo, quest’anno, in epoca di austerity li accenderemo dal 22 novembre al 23 marzo e non più per 10 ore al giorno ma per 9, infine basta ai 20 gradi per le abitazioni, da quest’anno saranno 19 i gradi consentiti . La fascia C comprende oltre la provincia di Livorno anche quella di Grosseto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pollex ’22, una simulazione contro incendi e inquinamento

La Capitaneria di Porto elbana: "Confermate le capacità operative di uomini e mezzi"

Appaltati i lavori di restauro della galleria Rosseto

Un finanziamento regionale per circa 150 mila euro a copertura delle spese