Assicurazioni, si cerca di risparmiare ma occhio alle truffe

Costi delle polizze molto alti, qualcuno prova a spendere meno. Ma ne vale la pena?

L’assicurazione, per i possessori di un’auto o di un motoveicolo,  è una spesa molto costosa che si aggiunge a quella di tutte le altre. Spesso si cerca di risparmiare,  ma c’è un alto rischio di truffe.

Ormai la spesa di gestione di un’auto – ricorda il giornale on line solomotori.it –  è diventata molto alta. Tra tasse e bollo aumentati, costosi tagliandi periodici e parti elettroniche che si guastano molto facilmente, non stupisce se molti scelgono di non possedere un’auto, optando per i mezzi o per il noleggio in caso di forte necessità.

Ma alcuni non possono rinunciarvi, pensiamo a chi macina molti chilometri per lavoro, o chi ha necessità di accompagnare i bambini a scuola o alle attività pomeridiane. E così, tra le mille spese che deve affrontare una famiglia, si cerca di fare tagli ove possibili. L’assicurazione auto è una di quelle cose su cui si cerca sempre di risparmiare visto che costa cara, anche se si è in cima alle classi di merito. Una polizza RC per una piccola utilitaria può costare anche 500 euro l’anno.

Qualcuno – addirittura – rischia moltissimo scegliendo di non assicurare l’auto, ma in caso di controlli, o peggio di incidenti, i rischi sono altissimi. Sconsigliamo assolutamente di fare ciò.

Altri cercano di risparmiare con le assicurazioni online, compagnie che ci tempestano di spot televisivi con prezzi allettanti, spesso di cinque volte inferiori. Ma dove sta la magagna? Occhio perché spesso c’è una truffa.

La scoperta avviene quasi sempre nel momento peggiore, ovvero al Posto di Blocco o Posto di Controllo: l’agente delle forze dell’ordine controlla patente e carta di circolazione e dopo chiede il contrassegno di assicurazione (il tagliandino esposto sul parabrezza non è sufficiente in questi casi), e qui l’amara scoperta.

Forniamo il foglietto della polizza, che pensiamo sia in regola, ma dopo un controllo con la centrale l’agente ci informa che quel certificato non ha alcuna validità. Ma come è possibile? Eppure noi abbiamo regolarmente pagato la quota per l’assicurazione con validità annuale.

La motivazione è semplice. Alcune assicurazioni online, specialmente quelle sconosciute che offrono prezzi fortemente vantaggiose, sono in realtà società fittizie che tramite giri di conti e prestanome di fatto vi fanno pagare una quota che non vi assicura contro nulla.

In caso di controlli – conclude l’articolo di solomotori.it –  rischiate una semplice multa, e se ne esce in via in dolore. Ma in caso di incidenti o danni gravi o persino omicidi stradali, rischiate veramente grosso. Ecco perché è meglio affidarsi a una compagnia di assicurazione nota e solida, pur spendendo qualcosa in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Che si fa per Pasqua? Una bella escursione in miniera

Adatta per smaltire il pranzo pasquale e ricca di sorprese. I nostri consigli

Che si fa per Pasqua? In giro fra antichi borghi e sentieri

Alla scoperta della parte più antica dell’Elba, da Marciana al Monte Capanne

Che si fa per Pasqua all’Elba? Guida alle bellezze dell’isola

I nostri consigli per i nostri ospiti. Oggi si va alla scoperta delle Fortezze dell'isola