Il day service attivo su tutto il territorio della ASL nord ovest

La nuova procedura viene incontro a coloro che soffrono di patologie croniche

Il modello di presa in carico del paziente complesso attraverso il day service è stato omogeneizzato su tutto il territorio della ASL Toscana nord ovest grazie all’istituzione dei Percorsi Ambulatoriali Complessi e Coordinati (PACC). La nuova procedura, messa a punto in questi giorni dal dipartimento medico, garantisce ai cittadini equità di accesso alle cure e, soprattutto,  viene incontro a coloro che soffrono di patologie croniche o complesse e che effettuando  tutti gli esami necessari in un solo giorno o in un numero limitato di accessi, possono  intraprendere rapidamente la terapia più adeguata.

Le caratteristiche principali del day service si possono sintetizzare in alcune parole chiave come  multidisciplinarietàgestione unitaria del caso clinico da parte di uno specialista e  programmazione del percorso di erogazione delle prestazioni.

“Sempre più frequentemente – afferma Roberto Andreini, direttore del dipartimento medico della ASL Toscana nord ovest – problemi assistenziali complessi, prima affrontati con il ricovero ospedaliero, vengono oggi ricondotti al setting ambulatoriale, assicurando una maggiore  appropriatezza nella gestione del caso”.

“Infatti – continua Andreini – il modello del day service è funzionale alla diagnosi per individuare patologie complesse che richiedono frequenti monitoraggi per mantenere equilibri di compenso e stabilità. Questa modalità consente di prevenire  episodi acuti (es. scompenso cardiaco) o riacutizzazioni, ma anche di diagnosticare in tempi rapidi patologie complesse sul piano dell’inquadramento diagnostico come ad esempio le malattie reumatiche ed autoimmuni. In questi casi il ricovero ordinario è inappropriato, mentre una corretta presa in carico ambulatoriale da parte di un team multi professionale e multi disciplinare, oltre ad accorciare i tempi per la diagnosi, accelera l’inizio della terapia con un notevole beneficio per il paziente, dal punto di vista assistenziale e pratico.  La figura centrale che garantisce una rapida e corretta presa in carico è lo “Specialista Tutor” che,  sulla base dell’iter diagnostico necessario, sceglierà le prestazioni più appropriate al caso specifico in accordo con il medico di famiglia che riceverà una lettera contenente tutte le informazioni cliniche scaturite dai diversi accertamenti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Settimana mondiale dell’allattamento, un incontro all’Elba

L'appuntamento domenica 2 ottobre, dalle ore 9.30 alle 13, alla Torre della Linguella

Degenze in ospedale: il 92% dei pazienti molto soddisfatto

E' il risultato di una ricerca promossa dalla Regione e dalla Scuola Sant'Anna di Pisa

In funzione il nuovo apparecchio Tc all’ospedale elbano

Asl: "Dotazione tecnologica che alza il livello qualitativo delle indagini diagnostiche"