Vaiolo delle scimmie, l’Asl: è iniziata la vaccinazione

La somministrazione del vaccino è offerta gratuitamente ai soggetti ad alto rischio

E’ in corso la vaccinazione per il vaiolo delle scimmie (monkeypox virus), seguendo le linee della procedura di area vasta condivisa tra Azienda USL Toscana nord ovest e Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana.

La somministrazione del vaccino è offerta gratuitamente alle categorie di soggetti ad alto rischio indicati nella circolare ministeriale 35365 del 5 agosto scorso e nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Livorno, diretto da Spartaco Sani, nella giornata di ieri (7 settembre 2022) sono state effettuate già le prime 10 vaccinazioni a persone che fanno parte delle categorie a rischio indicate dal Ministero.

Nel reparto di Malattie infettive di Lucca, diretto da Sauro Luchi, domani (9 settembre) sono in programma 5 somministrazioni, mentre in quello di Massa, diretto da Antonella Vincenti, dalla prossima settimana dovrebbero essere programmate due sedute settimanali da 5 vaccinazioni ognuna.

A Massa, come nelle altre realtà aziendali, si sta facendo un grande lavoro di counselling, partendo da elenchi di persone “a rischio” che sono state chiamate direttamente. E’ stato anche elaborato uno specifico questionario per rendere tutta la procedura più strutturata e razionale.

In AOUP, nel reparto di Malattie infettive di cui è responsabile Riccardo Iapoce, le vaccinazioni sono programmate a partire da martedì 13 settembre. Nel pomeriggio alle 15 ci sarà infatti la prima seduta vaccinale per circa una decina di persone fra quelle che si sono prenotate nei giorni scorsi.

Non sono invece molte, al momento, le chiamate arrivate ai numeri di telefono o le segnalazioni giunte per e-mail alle strutture di Malattie infettive e Igiene, che si sono messe a disposizione per ascoltare i cittadini e per inserirli eventualmente nelle agende per la vaccinazione.

Il ciclo di vaccinazione primaria può essere effettuato con due dosi a distanza di almeno 4 settimane (28 giorni) dalla prima somministrazione. La dose di richiamo può essere fatta da chi ha ricevuto in passato almeno una dose di vaccino antivaiolo o da chi abbia concluso il ciclo vaccinale di due dosi da oltre due anni.

Nelle ultime settimane Asl e AOUP erano state in costante contatto con la Regione Toscana per mettere a punto tutti gli aspetti organizzativi e per fornire risposte omogenee su tutti i territori aziendali.

Si è quindi arrivati a un percorso unico e organico tra Azienda USL Toscana nord ovest e AOUP.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Settimana mondiale dell’allattamento, un incontro all’Elba

L'appuntamento domenica 2 ottobre, dalle ore 9.30 alle 13, alla Torre della Linguella

Degenze in ospedale: il 92% dei pazienti molto soddisfatto

E' il risultato di una ricerca promossa dalla Regione e dalla Scuola Sant'Anna di Pisa

In funzione il nuovo apparecchio Tc all’ospedale elbano

Asl: "Dotazione tecnologica che alza il livello qualitativo delle indagini diagnostiche"