L’ASL: “Ok INDIA, l’ambulanza infermieristica funziona”

L'analisi tecnica dell'azienda sull'efficienza degli interventi effettuati in questo periodo

una ambulanza della Pubblica Assistenza Capoliveri

 In merito ai recenti interventi sull’ambulanza infermieristica (INDIA) di associazioni, amministratori, organizzazioni sindacali, l’Azienda USL Toscana nord ovest non entra nella discussione in corso ma si limita a un’analisi tecnica.

I dati di esito delle ambulanze infermieristiche sono infatti sovrapponibili a quelli degli altri mezzi di soccorso utilizzati nel territorio aziendale.

L’Asl ha preso in esame gli interventi effettuati nell’area nord – Lucca, Versilia e Massa Carrara – in cui il modello è partito già dal 2010 (prima INDIA attivata a Lucca) ed è quindi più consolidato.

Nel corso del 2021 le sei ambulanze infermieristiche presenti nei tre ambiti territoriali hanno effettuato 4.076 interventi, di cui 342 per codici rossi, 885 per codici gialli e 23 per codici verdi.

Da gennaio a luglio 2022 gli stessi mezzi hanno giù eseguito 3.122 interventi, 177 dei quali per codici rossi, 549 per codici gialli e 5 per codici verdi.

Dall’analisi delle “missioni” garantite e delle centralizzazioni attuate emergono prestazioni in linea con gli altri mezzi di soccorso, con i quali comunque l’ambulanza infermieristica opera in maniera integrata.

In questi 12 anni in cui il modello è attivo non si sono infatti registrate criticità, anche perché il personale delle INDIA è formato e preparato e opera con protocolli validati dai direttori di Centrale operativa 118 e in costante integrazione con gli operatori degli altri mezzi di soccorso, a partire dall’automedica, che ha a bordo medico e infermiere.

Anche nei casi di infarto, purtroppo molto frequenti sul nostro territorio, gli equipaggi infermieristici hanno sempre dimostrato di saper gestire la sintomatologia, per poi accompagnare in tempi rapidissimi il paziente nell’ospedale dotato di Emodinamica più vicino alla zona dell’intervento, in maniera da assicurare alla persona soccorsa il trattamento più adeguato alle sue esigenze.

Si tratta quindi di un importante servizio in più e la costante integrazione tra automedica e ambulanza infermieristica permette di intervenire in maniera ancora più appropriata sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Degenze in ospedale: il 92% dei pazienti molto soddisfatto

E' il risultato di una ricerca promossa dalla Regione e dalla Scuola Sant'Anna di Pisa

In funzione il nuovo apparecchio Tc all’ospedale elbano

Asl: "Dotazione tecnologica che alza il livello qualitativo delle indagini diagnostiche"

Al via i prelievi del sangue prenotati online con Zerocode

Il servizio attivo dal 27 settembre. In pochi attimi si può prenotare le analisi