La diffusione della Società di Mutuo Soccorso a Portoferraio

Il racconto di Marcello Camici della attività della società. Il ruolo di Giuseppe Garibaldi

Dalla  sua nascita avvenuta a Portoferraio nel 1864 ,la società operaia di mutuo soccorso ebbe diffusione perdurando fino agli inizi del secolo novecento quando con la presenza  degli altiforni  gli operai si organizzano nelle leghe operaie. Qui si parla di questa sua diffusione con l’adesione di Giuseppe  Garibaldi, si parla dei  problemi che sono stati di ostacolo alla diffusione, dei principi contenuti nello statuto della società.

SECOLO VENTESIMO.

DIFFUSIONE DELLA  SOCIETA OPERAIA  DI MUTUO SOCCORSO  A PORTOFERRAIO.

 

Terza parte

Dal libretto matricolare del dr. Marini   a lui rilasciato nel 1907 si apprende che a  Portoferraio la società operaia  di mutuo soccorso fu solennemente inaugurata l’8 gennaio 1865 e che il primo consiglio direttivo era costituito dall’ avv Cesare Hutre,presidente ,dall’ avv. Eugenio Fossi,vice presidente,dal dott Cesare Cestari ,segretario,da Giuseppe Tarabella ,vice segretario,da Angelo Senno,cassiere,dal dott. Michele Mattiozzi,medico.

Dallo stesso libretto matricolare del dr Marini si apprende che presidente onorario fu acclamato Giuseppe Garibaldi, il quale scriveva da Caprera:

 

“Caprera 22 febbraio 1866

                                                                     Cari fratelli operai

Vi ringrazio e accetto commosso la nomina a Presidente onorario della Vostra Società.La formazione di Gruppi Operai in ogni paese d’Italia sono tante cittadelle di progresso e mi rispondo dell’avvenire.

Giuseppe Garibaldi ”

 

Sin dal suo sorgere la vita della società non fu facile.

C’erano problemi  già presenti nell’adunanza dell’aprile 1865, pochi mesi dopo la solenne inaugurazione :

 

 

Società di mutuo soccorso fra gli operai elbani

                                      Adunanza del 16 aprile 1865

                                                    Presidenza Hutre

La seduta è aperta alle ore 11 antim.

Il Presidente annunzia.come vi sieno alcuni soci,che hanno finora trascurato di presentarsi a ricevere il loro libretto di società .biasima altamente la loro condotta, e propone sia nominata una commissione a capo della quale il socio Pasquale di Francesco  Delbono, allo scopo di stimolare questi soci indolenti a mettersi in regola col cassiere,o in caso diverso sottoporsi ad essere radiati dall’Albo dei componenti la Società Operaia.

Viene approvato”

(Cfr. pg 7 di La patria libera,Rivista periodica elbana.”20 maggio 1865.Biblioteca comune Portoferraio)

 

VEDI FOTO

(Trafiletto in  pg 7 di La patria libera,Rivista periodica elbana.”20 maggio 1865.Biblioteca comune Portoferraio)

 

 

Ma nonostante i problemi la societa soprravvive e riesce a superare il traguardo del secolo decimo nono sbarcando nel ventesimo,il novecento.

Nel 1907 ,cinquantatrè anni dopo la fondazione,la società operaia di mutuo soccorso  era viva e vegeta a Portoferraio.

Lo attesta il numero 75  d’iscrizione del libretto matricolare del dr Eugenio Marini.

Ma non è solo dal numero degli iscritti che lo si evince quanto dalla lettura dello statuto si capisce come scòpi ed ideali  e i motivi siano vivi nello statuto del 1907.

Il primo statuto sociale reca la data 15 aprile 1866.

Fu poi  modificato il 27 novembre 1887.

Nel libretto matricolare del dr Marini  è riportato per intero lo statuto vigente nel 1907. (vedi foto)

 

(Prima pagina dello statuto della società operaia di mutuo soccorso di Portoferraio.1907.Inv 45632.Biblioteca comune Portoferraio )

 

53 articoli suddivisi in dodici Capitoli   a firma  T. Senno,presidente, A.Pagnini,segretario .

I primi articoli dello statuto stabiliscono  che alla società possono appartenere cittadini e cittadine d’ogni professione e condizione  e che la società ha per scòpo di soccorrere con sussidio giornaliero i soci in caso di invalidità al lavoro per malattia o per vecchiaia. E’ sancito che la società operaia di mutuo soccorso debba mantenersi  estranea a qualunque questione politica ,religiosa o amministrativa “ma non può disinteressarsi affatto dei problemi economico-sociali che nella cerchia dell’isola dell’Elba o fuori si impongono per la loro importanza all’attenzione pubblica”

Preziosi scrive  che i principali scòpi della società erano :“.. la dignità personale, l’economia, la previdenza in famiglia,la solidarietà di sussidio,la moralità,l’istruzione,le discusssioni,il suffragio palese,il lavoro elevato a merito..

( Cfr. pg 154-155 di “Fermenti patriottici,religiosi e sociali all’isola d’Elba (1821-1921)” A Preziosi.Olschki editore.Firenze .1976)

 

MARCELLO CAMICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

“Un mare di spie”, il libro sui servizi segreti all’Elba

Presentato a San Piero il libro di Ruggero Elia Felli, la prefazione di Mario Ferrari

Il ricordo di Doriano Carlotti e di un calcio d’altri tempi

Trenta anni fa la sua scomparsa, oggi una cerimonia. Il racconto di Giovanni Frangioni

Quando Portoferraio gareggiava con Taormina in TV

Giovanni Frangioni racconta un episodio del 1961 nella trasmissione Campanile Sera