Amministrazione locale

Manca il numero legale e salta il consiglio comunale di Rio

Due assenti in maggioranza e minoranza che lascia l'aula. Canovaro:" Segnale politico"

Umberto Canovaro capogruppo di minoranza a Rio

E’ saltato già durante l’appello il consiglio comunale di Rio, convocato per la mattinata di lunedì 9 maggio. Al momento della verifica delle presenze infatti, è emerso che erano assenti due consiglieri della maggioranza su otto. Gli assenti erano Manuela Chiros e Rossana Braschi. A quel punto i cinque consiglieri di minoranza hanno tutti abbandonato l’aula e il presidente del consiglio ha sciolto la seduta , dopo avere atteso i 15 minuti di legge. Il consiglio è stato riconvocato  per sabato prossimo 14 maggio. All’ordine del giorno c’erano, alcuni regolamenti, l’adeguamento della tariffa tari, il porto e un’interrogazione sulla questione della casa del pescatore di Bagnaia, tant’è che  erano presenti in sala una quindicina di cittadini della frazione. “Abbiamo fatto osservare che non c’era il numero legale da parte della maggioranza e non si potevano basare sui voti della minoranza. Abbiamo voluto fare questo atto politico per rimarcare che se la maggioranza ha i suoi problemi – ha fatto presente Umberto Canovaro, capogruppo della minoranza – questi non possono essere scaricati  sulla collettività di cui anche noi facciamo parte anche se spesso il sindaco se ne dimentica. Un’azione per far riflettere la maggioranza che non dovrebbe  essere arrogante e ricordare loro di essere rispettosi di tutti i ruoli, e magari trovare anche un modo di assicurare al consiglio comunale la maggioranza come è giusto e doveroso che debba fare. Ci dispiace per la cittadinanza ma questa non è un’azione contro di loro,  perché l’ordine del giorno verrà presentato di nuovo. Abbiamo voluto dare questo segnale alla maggioranza che deve avere un altro tipo di atteggiamento , se questo non ci sarà ne prenderemo atto e ci comporteranno di conseguenza”. Un gesto irresponsabile quella della minoranza secondo il sindaco Marco Corsini che rimanda le accuse al mittente. “Sono una ‘manica di irresponsabili’ – li definisce Corsini – Alcuni di loro non vengono quai mai e sono venuti questa volta solo per sottrarre il numero legale quando c’erano delibere importanti, di interesse generale, da discutere. Anche la minoranza è stata eletta per governare – considera – e quanto accaduto stamani denota irresponsabilità. Dovrebbero lavorare per il paese non per fare la lotta al sindaco. E comunque noi abbiamo  fatto il nostro lavoro perché ci siamo riuniti in giunta e preso  decisioni importanti per Rio, come quello della piazzola per l’elisoccorso. Tuttavia un atto che non mi sconvolge più di tanto un incidente normale per la mia esperienza di amministratore in altre città. Andremo avanti con il consiglio di sabato prossimo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Cisterna fuori strada a Bagnaia, bonificata la zona

Soltanto oggi sono terminate le operazioni dei Vigili del Fuoco iniziate mercoledì

Pesca ricci di mare, 41mila euro di sanzioni della Capitaneria

Oltre 20mila esemplari sequestrati, gli echinodermi vivi sono stati rilasciati in mare

Santina Berti:” Obiettivi raggiunti anche con gli eventi estivi”

L’assessore alla cultura e istruzione, traccia un bilancio di cinque anni di governo