Multiutility Toscana 1, Sinistra Italiana dice “no”

Il partito di Alessi è contrario alla nascita di una società regionale multiservizi

Tanto tuonò che piovve. Con la benedizione del Presidente Giani e della sua Giunta, ha preso il via il percorso finale che porterà alla costituzione di una società multi servizi denominata Multiutility Toscana 1, destinata, nelle intenzioni dei padrini, a fare da testa di ponte per la nascita di un unico colosso per l’intera Regione Toscana nella gestione dei servizi acqua, rifiuti e gas.  Adesso al Pd toscano non basta più la privatizzazione, vuole addirittura la finanziarizzazione, celebrando a breve l’ingresso di questo nuovo soggetto industriale dei servizi sul mercato finanziario.

La posta in gioco è alta: finanziare con la borsa la buona uscita degli attuali partner industriali dell’acqua e del gas, improvvidamente fatti entrare in Toscana dai fratelli maggiori di questa attuale classe politica, per poi operare un passaggio di modello, da quello misto pubblico privato, ad un soggetto che si muove sul mercato finanziario, anche oltre i confini toscani. Con questa scelta politica scellerata e antidemocratica, la mercificazione totale dei beni comuni è in via di compimento, l’esatto contrario di quanto avevano chiesto i cittadini italiani nel referendum contro la privatizzazione del servizio idrico.

Pd e centrodestra portano la responsabilità totale di avere tradito, boicottato e disatteso la straordinaria vittoria popolare di quel referendum del 12 e del 13 giungo 2011. I beni comuni sono per questo considerati come galline dalle uova d’oro, su cui fondare il controllo politico della Toscana garantendo sicuri utili agli investitori finanziari italiani ed esteri, e tutto ciò proprio adesso, quando incombono sul nostro futuro le fosche ombre di una crisi economica e sociale dovuta alla combinazione della crisi climatica, di quella pandemica e delle conseguenze della  guerra in Ucraina..

SINISTRA ITALIANA è da sempre consapevole che l’innovazione tecnica, l’efficienza  e la qualità dei servizi si può perseguire ed ottenere solo attraverso la “messa in comune” delle conoscenze e delle filiere impiantistiche relative al servizio rifiuti e al servizio idrico; i campanilismi, le piccole botteghe clientelari e gli egoismi in materia di servizi essenziali e fondamentali per la qualità della vita non sono accettabili ed appartengono ad un passato morto e sepolto che nessuno rimpiange.

SINISTRA ITALIANA, proprio perché ha chiaro tutto ciò, è contraria da sempre, e si oppone con determinazione, a questa operazione puramente finanziaria e politicamente irresponsabile che trasforma i cittadini in consumatori, privandoli in tal modo dei diritti fondamentali. Questi nuovi sacerdoti, travestiti da democratici, mettono la programmazione e la gestione degli impianti e dei servizi nelle mani voraci del mercato finanziario, l’esatto opposto di quello che una democrazia dovrebbe garantire per essere credibile. Contro questa forzatura dell’area fiorentina (Firenze, Empoli,Prato), avvenuta sotto la regia di questa brutta Giunta regionale, bisogna mobilitarsi, occorre ostacolarli, fermarli, impedire che le amministrazioni delle altre province si accodino a questo processo di finanziarizzazione. Noi vogliamo rimanere cittadini di una Repubblica democratica, non diventare semplici consumatori e utenti del mercato globale.

 

Eugenio Baronti, responsabile ambiente di Sinistra Italiana Toscana

Tommaso Panigada, gruppo ambiente regionale Sinistra Italiana Toscana

Danilo Alessi, membro assemblea regionale Sinistra Italiana e responsabile S.I. Isola d’Elba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Elezioni amministrative, tutto tace a 24 ore dalle liste

Il voto il 12 giugno a Campo, Marciana Marina e Porto Azzurro. Ecco come stanno le cose

“Se andremo al Governo istituiremo il Ministero del Mare”

La leader di FdI Giorgia Meloni ha ribadito l'argomento caro all'elbano Luigi Lanera

Amministrative, Stella: “Senza Forza Italia non si vince”

Tour elbano del consigliere regionale FI nei comuni che vanno al voto amministrativo