Massimo Gramellini vince il Premio Letterario “La Tore” 2022

L'evento, giunto alla diciottesima edizione, si terrà sabato 23 luglio a Marciana Marina

Massimo Gramellini

Il vincitore della diciottesima edizione del Premio letterario La Tore isola d’Elba, previsto per sabato 23 luglio in piazza della Chiesa a Marciana Marina, che fu avviato con la sua libreria da Franco Semeraro con la consorte signora Lucia nel 2005 e che poi si è avvalso della amichevole collaborazione dell’Hotel Gabbiano Azzurro, è Massimo Gramellini. Scrittore, saggista, giornalista e conduttore televisivo di successo, Gramellini ha legato emozionalmente il suo pubblico a sé stesso con il romanzo ‘Fai bei sogni’ (Longanesi, 2012), dal quale Marco Bellocchio ha tratto uno splendido film. Massimo Gramellini è nato il 2 ottobre 1960 a Torino. Nonostante lo scrittore sia nato a Torino, la sua famiglia era originaria della Romagna. Dopo aver conseguito il diploma di liceo classico presso l’Istituto San Giuseppe, nel 1985 decise di lasciare il mondo universitario e di iniziare a collaborare con il Corriere dello Sport, dando avvio alla sua carriera giornalistica. Assunto, un anno più tardi, come praticante al “Giorno”, sempre nella redazione sportiva, ha l’opportunità di raccontare in maniera dettagliata il primo scudetto di Silvio Berlusconi alla guida del Milan e di seguire i più importanti tornei di tennis del mondo dal vivo. Gramellini nell’inverno del 1988 si sposta a Roma, per lavorare nella redazione locale de “La Stampa”: spesso, però, si trasferisce a Napoli, soprattutto per seguire la vita calcistica ed extra-calcistica di Diego Armando Maradona. Scrive di sport anche durante i Mondiali di Italia ’90: anzi, è proprio un suo articolo riguardante Gianluca Vialli che induce la Nazionale azzurra a intraprendere un silenzio-stampa. Nel 1991, poi, il giornalista torinese lascia il mondo dello sport per dedicarsi alla politica e diventare corrispondente della “Busiarda” da Montecitorio: ha modo di raccontare i protagonisti di Mani Pulite, e narrare in prima persona la morte della Prima Repubblica e la nascita della Seconda. Sposatosi con Maria Laura Rodotà, nel 1993 viene scelto come inviato speciale per le cronache da Sarajevo. Gramellini nell’inverno del 1988 si sposta a Roma, per lavorare nella redazione locale de “La Stampa”: spesso, però, si trasferisce a Napoli, soprattutto per seguire la vita calcistica ed extra-calcistica di Diego Armando Maradona. Scrive di sport anche durante i Mondiali di Italia ’90: anzi, è proprio un suo articolo riguardante Gianluca Vialli che induce la Nazionale azzurra a intraprendere un silenzio-stampa. Nel 1998 Massimo Gramellini fa ritorno a Milano, questa volta per dirigere il settimanale de “La Stampa”, Specchio, su cui cura la rubrica “Cuori allo Specchio”, una sorta di posta del cuore. Dopo essersi spostato ancora a Roma, il 12 ottobre del 1999 inaugura una rubrica il “Buongiorno” che compare in taglio basso sulla prima pagine della “Stampa”, a commento di un avvenimento importante della giornata. Lasciata Roma nell’ottobre 2005, Gramellini torna finalmente a casa, a Torino, nominato vice-direttore del quotidiano piemontese. Poco dopo, inizia a collaborare con “Che tempo che fa”, la trasmissione di Fabio Fazio in onda su Raitre, per la quale ogni sabato sera elenca e commenta le notizie più importanti di giorni precedenti. Dopo il già citato “L’ultima riga delle favole”, primo romanzo che ha venduto più di 250 mila copie in Italia, pubblica a marzo del 2012 “Fai bei sogni”, che in meno di due mesi raggiunge il mezzo milione di copie vendute. La sua opera letteraria, in ogni caso, comprende numerosi altri volumi: tra gli altri si segnalano “1994 colpo grosso” (scritto con Curzio Maltese e Pino Corrias e pubblicato per Baldini & Castoldi), “Ci salveranno gli ingenui” (uscito nel 2007 per Longanesi) e “La patria, bene o male” (scritto da Carlo Fruttero e pubblicato nel 2010 da Mondadori). Dopo aver trascorso 28 anni alla Stampa, il 21 gennaio 2017 saluta i suoi lettori con un ultimo “Buongiorno”. Dal successivo 13 febbraio collabora al “Corriere della Sera” come editorialista, e con una rubrica quotidiana intitolata “Il caffè”. Conduce con successo dal 2016 il programma “Le parole” ogni sabato su Raitre in prima serata. L’opera del premio 2022 è stata assegnata al maestro Walter Puppo che ha realizzato una sua cellula particolare, dedicata al dramma ucraino. Il Premio letterario La Tore Isola d’Elba è promosso da Franco e Lucia Semeraro e dall’Hotel Gabbiano Azzurro, nonché patrocinato dal Comune di Marciana Marina con la partecipazione della Pro-Loco marinese e vede anche quest’anno la sponsorizzazione di Acqua dell’Elba che acquisterà il quadro-premio di Puppo. Condurrà la serata come di consueto la dott.ssa Lucia Soppelsa e non mancherà il consueto omaggio del dott. Marcello Bruschetti, presidente di Enoglam EVO.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Autori in Vantina, le anticipazioni sul palco del Flamingo

Sei le opere che verranno presentate in stagione. Rassegna curata da Silvia Boano

Pacini: in arrivo novità per la valorizzazione delle Grotte

In previsione nuovi itinerari, oltre ad un calendario unico degli eventi per l'arcipelago

Libro d’aprile, nuovo appuntamento alla Gran Guardia

Il pomeriggio del 23 aprile è la volta di "Ridere come gli uomini" introduce Maestrini