Bocciata dalla Regione la quarta base elisoccorso all’Elba

Landi: "Doppio no del centrosinistra toscano a proposte per potenziare sanità elbana"

No al potenziamento della sanità elbana e no all’istituzione di una quarta base per l’elisoccorso a servizio dell’Arcipelago Toscano. Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio regionale la maggioranza ha respinto due atti presentati dal consigliere regionale della Lega finalizzati a inserire nel Piano socio-sanitario regionale alcune misure finalizzate a migliorare i servizi sanitari all’Elba e in tutto l’Arcipelago.

“Con il primo ho proposto un piano di interventi che preveda un potenziamento dei servizi e un’implementazione della pianta organica stabile e non occasionale a disposizione delle strutture sanitarie, rivedere i progetti già varati dalla Giunta regionale – a partire da ‘Anch’io all’Elba’ a ‘Start Elba’ –, monitorare lo stato di avanzamento dei lavori di realizzazione delle case di comunità e l’operatività delle apparecchiature. Impegni minimi per la cittadinanza, ma non per il centrosinistra toscano che continua a dire no a qualsiasi proposta, autocelebrando le loro iniziative”, spiega Landi.
Il secondo atto prevedeva la realizzazione di una quarta base dell’elisoccorso di stanza all’Elba, specificamente dedicata all’Arcipelago Toscano. “Una proposta di buon senso, visto che adesso gli elicotteri partono da Grosseto e Massa, ma che non deve assolutamente essere letta in alternativa al potenziamento della sanità territoriale, ma come servizio aggiuntivo per gestire in tempi rapidi i casi più urgenti. Ma anche a questa il centrosinistra ha detto no”, ha proseguito il consigliere regionale.“Un atteggiamento inspiegabile ma non sorprendente: del resto gli stessi problemi che la Regione ammetteva negli anni scorsi sono ancora attuali, a dimostrazione di un impegno e di un’attenzione non adeguati alle necessità dei cittadini elbani”, ha concluso Landi annunciando che proseguirà la battaglia per migliorare la sanità sull’isola.

2 risposte a “Bocciata dalla Regione la quarta base elisoccorso all’Elba

  1. Marcello Camici Rispondi

    Qui non ci entra niente il governo nazionale. Ogni regione amministra e organizza autonomamente la sanità pubblica sul suo territorio. La regione toscana ancora una volta penalizza la sanità pubblica sul territorio insulare elbano.E’ necessaria una risposta forte delle istituzioni pubbliche dell’Elba.

    12 Luglio 2024 alle 9:42

  2. Paolo Rispondi

    Il governo Meloni riduce i fondi sulla sanità, questo aumenta le difficoltà nelle prestazioni e sui tempi di risposta. Il recente taglio di 1,2 miliardi di euro alla sanità territoriale deciso dal governo ha scatenato una vera e propria rivolta tra le regioni italiane. Chiediamoci allora com’è finanziata la sanità delle Regioni. Stabilire, infatti, l’ammontare delle risorse da destinare al Servizio sanitario nazionale (SSN) è un primo passo nella definizione delle risorse che le Regioni hanno a disposizione per finanziare l’offerta dei servizi sanitari. La legge statale determina annualmente il fabbisogno sanitario nazionale standard, cioè il livello complessivo delle risorse del Servizio sanitario nazionale al cui finanziamento concorre lo Stato».La Toscana non è esente da tt ciò.

    11 Luglio 2024 alle 20:47

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Nocentini è presidente della conferenza sindaci sulla sanità

Il neo sindaco di Portoferraio ha il mandato dai colleghi per i prossimi cinque anni

Sciopero di 48 ore per i dirigenti della Usl Nord Ovest

Dalle ore 21 del 23 fino alla stessa ora del 25 Luglio. La nota dell'Azienda