Premio Strega Elba: concerto per Donatella di Pietrantonio

di Jacopo Bononi , Presidente del Comitato promotore del Premio Strega all’isola d’Elba

Il Premio Strega, istituito nel 1947 all’interno del salotto letterario di Casa Bellonci a Roma, è organizzato dalla Fondazione Bellonci dal 1986. Attualmente il direttore della Fondazione è Stefano Petrocchi che sarà come sempre l’ospite principale durante la serata che si terrà il 3 agosto a Marciana Marina e che vedrà protagonista la vincitrice Donatella Di Pietrantonio. Anna Maria Rimoaldi, che guidò a lungo l’evento, fu un’assidua frequentatrice dell’Elba avendo una bella casa a Poggio nella quale amava ritirarsi appena gli impegni romani glielo consentivano e fino alla sua morte, avvenuta proprio in quella casa, il suo amore per lo Scoglio non fu mai un segreto. Sua fu l’idea di organizzare per molti anni l’edizione estiva del premio a Marciana Marina: Franco e Lucia Semeraro con l’Hotel Gabbiano Azzurro si onorano di esserne attualmente i promotori, insieme appunto con la Fondazione Bellonci. Sabato 3 agosto dalle 21.45 nella piazza della Chiesa della Marina, ancora una volta, come fu desiderio della signora Rimoaldi per molti anni, si ripeterà l’Evento che tra gli altri fa ritenere Marciana Marina la ‘Capitale culturale dell’isola’. La collaborazione con la ‘Libreria Libri in Piazza’ della Marina consentirà a tutti i partecipanti, sin dall’aperitivo in hotel, di poter acquistare e farsi autografare il libro vincitore dall’autrice. In suo onore si terrà infatti un aperitivo all’Arthotel Gabbiano Azzurro due, sempre il 3 agosto dalle 19 e un Concerto in piazza alla sera della virtuosa pianista bresciana Daniela Reboldi. Laureata in giurisprudenza e diplomata al Conservatorio di Bergamo, dice di sè: (…) Ho avuto il privilegio e la fortuna di imparare a suonare il pianoforte ancor prima di saper scrivere. Questo straordinario e ingombrante strumento è dunque da sempre parte integrante della mia vita, una sorta di prolungamento della mia persona. Ho studiato con grandi interpreti oltre che con grandi persone che sono riuscite a trasmettermi un amore sincero verso l’arte. È da sempre fortissima in me l’attrazione verso lo stile classico che per me rappresenta l’idea di bellezza suprema e perfezione assoluta. Poi, con il tempo, complice anche la mia inesauribile curiosità e voglia di mettermi sempre in gioco, la voglia di imparare cose nuove, di viaggiare (anche solo con la mente) e di sperimentare, mi sono avvicinata con entusiasmo ad altri generi musicali ampliando così il mio repertorio. Una grande occasione quindi di completa compenetrazione tra musica e letteratura, visto il tema centrale del romanzo ‘L’età fragile’ (Einaudi, 2023) vincitore del prestigioso riconoscimento. Durante la sera l’autrice sarà accompagnata dalla pianista Reboldi e un‘fil rouge’ si unirà alla trama del libro che è una vicenda tutta al femminile, come la nostra autrice ci ha ormai abituato in tutte le sue ultime fatiche letterarie. Leggiamo del romanzo: (…) è uno dei romanzi usciti negli ultimi anni ad avere il lockdown per la pandemia da coronavirus come sfondo alla trama. Ha per protagonista una donna da poco separata dal marito che cerca di ricostruire il rapporto con la figlia ventenne, quando lei torna in Abruzzo da Milano, dove studia all’università. (…) Tuttavia la vicenda si ampia e si lega alla vicenda del noto delitto del 1997, comunemente chiamato Delitto del Morrone, ove persero la vita uccise da un pastore macedone del luogo due di tre ragazze padovane che erano su quelle pendici per una escursione. La terza si salvò fingendosi morta e vedendo uccisa la sorella in quella tragica giornata estiva di ventisette anni or sono. Con grande capacità narrativa la nostra autrice trasfigura la vicenda e la romanza, senza però perdere i toni drammatici dell’avvenimento, poichè ella stessa ha avuto più volte modo di dichiarare che quella tragedia le lasciò un segno indelebile sia perché in zone a lei note e sia per il fatto di essere coetanea delle sventurate protagoniste del delitto. La sera del 3 agosto prossimo a Marciana Marina, quando la vincitrice dell’edizione 2024 del prestigioso riconoscimento, di certo il più noto ed importante del nostro Paese in ambito letterario, sarà in Piazza della Chiesa per essere festeggiata, la presenza di Anna Maria Rimoaldi sarà tangibile e il suo ricordo di grande donna di Cultura, che ha amato l’Elba moltissimo, troverà ancora una volta il giusto spazio. Il ritorno a Marciana Marina del Premio Strega rappresenta un grande passo avanti verso quel nobile obiettivo che l’Amministrazione marinese guidata da Gabriella Allori, insieme col direttivo della Proloco, si è posta ossia di riportare la cittadina elbana al centro della vita culturale estiva elbana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Elba Book Festival 2024: prende il via la decima edizione

Dal 16 al 19 luglio, 23 stand, grandi nomi. Il sindaco Corsini: "Valore aggiunto per l'Elba"

Il nuovo numero di ‘Enjoy Elba and the Tuscan Archipelago’

Sono interventi il presidente del Consiglio regionale Mazzeo e il consigliere Marco Landi