,

Presentazione del libro “La casa di tutti. Città e biblioteche”

Giovedì 11 luglio alle ore 21,30 in Piazza Da Verrazzano per Storie Itineranti 2024

La casa di tutti. Città e bibliotecheEditori Laterza è un libro che parla di mondi vicini possibili, di realtà e comunità, di buone pratiche sociali e culturali a livello europeo e mondiale, un libro che ci ricorda l’importanza e il valore degli spazi pubblici gratuiti, aperti a tutti senza discriminazioni.

«Sono in biblioteca e aspetto. No, non sono in attesa della consegna di un libro, anche perché sono in una piazza coperta con immense vetrate sul mare e, al centro, un tubo di bronzo di 7,5 metri di lunghezza appeso al soffitto. L’opera d’arte è in realtà un gong, realizzato dall’artista Kirstine Roepstorff, che suona ogni volta che in città nasce un bambino. Questo rintocco si espande per tutto l’edificio e tutti sanno che qualche minuto prima una nuova vita è entrata nella comunità: cos’altro può generare fiducia nel mondo in cui viviamo, se non un piccolo essere che arriva tra noi? Il gong di Dokk1, la biblioteca di Aarhus, in Danimarca, dimostra meglio di qualsiasi altra cosa perché le biblioteche siano parti necessarie, vitali, dell’infrastruttura sociale: perché con la loro stessa esistenza creano fiducia nel domani.»

«Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza.»

Antonio Gramsci

Antonella Agnoli Dal 1977 al 2000 è stata la fondatrice e direttrice della Biblioteca di Spinea (Venezia). Negli ultimi dieci anni ha collaborato con vari architetti alla progettazione di biblioteche in molte città italiane e svolto un’intensa attività di formazione dei bibliotecari in tutta Italia. E’ membro del Consiglio di Amministrazione dell’Istituzione Biblioteche di Bologna, dell’Associazione Forum per il Libro. Come autrice di Le piazze del sapere (Laterza 2009) nel 2013 è stata invitata in Giappone, per un tour professionale di 19 incontri con bibliotecari, università, architetti, librai. È stata consulente di numerosi comuni dove, a diverso titolo, ha lavorato per la definizione del progetto culturale, formazione del personale, ristrutturazione o nuova edilizia bibliotecaria, progettazione biblioteconomica e culturale: Firenze, Gubbio, Maiolati Spontini, Lodi, Mortara, Opera (Milano), San Lazzaro di Savena (Bologna), Casalpusterlengo, Fano (Pesaro-Urbino), Scandicci, Castelnuovo Rangone, Monfalcone, Pioltello, Senigallia, Sondrio, Sesto Fiorentino, San Canzian d’Isonzo, Lainate, Suzzara, Udine, Calenzano, Forlì, Cinisello Balsamo, Pisa.

Ha aiutato il Comune di Cavezzo nella realizzazione di una nuova biblioteca in sostituzione della vecchia sede completamente distrutta dal terremoto ed ha collaborato con la Fondazione Unipolis per l’allestimento della Bibliocasa a l’Aquila.

Da molti decenni svolgere un’intensa attività di formazione professionale e di contributo al dibattito culturale attraverso la partecipazione a corsi, convegni, conferenze e seminari universitari presso varie istituti culturale ed università, tra queste: lo IUAV di Venezia, Architettura e Scienze della formazione di Firenze, Padova, Sociologia di Bologna, Architettura di Alghero, ENSSIB di Lione.

Carlo Andorlini nato a Firenze nel 1967. Sviluppa processi di innovazione socio-culturali nei territori attraverso l’utilizzo di approcci, strumenti e metodi riconducibili all’ambito del lavoro di comunità e che operano sulla “potenzialità relazionale” inutilizzata o sotto utilizzata fra sistemi organizzati, cittadini e Istituzioni.

Oggi è Docente a contratto all’Università di Firenze nel corso di laurea magistrale “Disegno e gestione degli interventi sociali”, è membro dell’Ufficio nazionale economia civile di Legambiente e del Comitato tecnico-scientifico nazionale, è membro del Consiglio nazionale del Terzo settore in quota Autonomie locali come Regione Toscana, è direttore scientifico di alcuni processi di sviluppo di welfare territoriale. Collabora con Enti del terzo settore, Enti Pubblici e Fondazioni (in Toscana, Liguria, Trentino Alto Adige, Lazio, Umbria, Piemonte, Emilia Romagna, Marche).

È nel comitato promotore nazionale della “Biennale della Prossimità” e componente dell’Area Ricerca di Biennale.

In ambito editoriale è co-direttore della collana Newfabric di Pacini editore di Pisa; è nella redazione di “Rivista impresa sociale” ed è nella redazione di “Animazione Sociale”.

Luca Bizzarri È dirigente presso la Ripartizione Cultura della Provincia di Bolzano. È co-direttore della collana NewFabric di Pacini editore, che si occupa di dare voce alle più rilevanti esperienze nazionali di rigenerazione territoriale socio-culturale, e dal 2018 amministratore dell’associazione europea sullo sviluppo locale AEIDL (Bruxelles). Ha partecipato in qualità di esperto nazionale ai lavori sulle politiche giovanili del Consiglio d’Europa e ha pubblicato contributi sul tema cultura e sviluppo locale.

Fra le più recenti pubblicazioni sul tema: Cultura e rigenerazione degli spazi: dalle pratiche all’apprendimento istituzionale (Guerini editore, 2020); Reshaping cities’ development: Preliminary Signs of a Post-Pandemic Culture (Intersecting, 2021); Dalla pratica sui beni comuni al discorso pubblico della rigenerazione urbana (Pacini giuridica, 2021). In passato ha conseguito un dottorato di ricerca in comparazione giuridica e storico-giuridica all’Università di Ferrara.

L’Amministrazione Comunale di Campo nell’Elba, la Biblioteca Comunale Balestrini Gentini, La Tana dei Sogni Book&Wine, L’Associazione La Giostra e tutti i partner di Storie Itineranti 2024  invitano cordialmente i cittadini e i visitatori a partecipare.

In caso di maltempo la serata potrebbe essere rimandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Rio, la capitale dei festeggiamenti estivi all’isola d’Elba

32 eventi in calendario. Si comincia stasera con la Sagra dei Piatti tipici a Rio Marina

E’ stato un successo il decennale di Elba Book Festival

Sulla piazza di Rio 300 persone raccolte intorno alle parole attente di Daniela Lucangeli