Torre di Marciana Marina, è online nuova ricerca storica

di Michelangelo Zecchini

La Torre di Marciana Marina, simbolo del paese, chiamata in passato pisana, saracena, medicea, nell’ultimo decennio è stata oggetto di studi approfonditi che hanno permesso di accertare non solo che la committenza del monumento fu degli Appiani, signori di Piombino e dell’Elba, ma anche che la sua costruzione risale al XVI secolo.

Finora si credeva che una delle motivazioni principali della sua edificazione fosse la necessità, per scopi di avvistamento e di difesa del territorio, di contrastare in qualche modo altre devastanti incursioni corsare, dopo quelle subite nel 1553 e nel 1555 da parte del terribile Dragut. Di conseguenza si riteneva che la datazione più plausibile per la Torre fosse l’arco di tempo compreso fra il 1557 e il 1562, quando signore di Piombino era Jacopo VI Appiani. Ma di recente, grazie ad accurate ricerche d’archivio, sono stati scoperti importanti documenti che inducono a rivedere le pregresse ipotesi cronologiche. Uno in particolare, conservato presso l’Archivio Storico di Firenze, Mediceo del Principato, attesta che l’architettura fortificata marinese esisteva già il 9 gennaio 1549, ossia in un momento in cui Cosimo I dei Medici stava dispiegando tutto il suo impegno, non solo economico, per la costruzione di Cosmopoli.

Queste e altre notizie storiche, compresa l’interpretazione del toponimo Novaglia, riferito alla Torre in due carte geografiche del tardo Cinquecento, si possono ora trovare in una ricerca online pubblicata da Michelangelo Zecchini su academia.edu.

È possibile leggere o scaricare tale ricerca al link

https://www.academia.edu/116720068/MARCIANA_MARINA_LA_TORRE_DEGLI_APPIANI_E_IL_TOPONIMO_NOVAGLIA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il presidente della Regione Giani ha presentato il suo libro

Cosimo de’ Medici raccontato da Eugenio Giani al centro culturale De Laugier

Salviamo il Giove, istruzioni per l’uso ai partecipanti

Legambiente: "Il 14 aprile in cammino insieme per salvare e tutelare la storia dell’Elba"