La lettera aperta dei lavoratori Toremar alla Regione

La richiesta: "Non affidate la continuità territoriale a più compagnie di navigazione"

Nave Toremar ferma in porto a Rio Marina

L’assessore Baccelli durante il dibattito del 8 novembre 2023 a Piombino garantì la clausola sociale per la tutela occupazionale di tutto il personale Toremar, ma se la continuità territoriale in convenzione con l’arcipelago Toscano fosse affidata a più società di navigazione, noi dipendenti marittimi TOREMAR Spa siamo certi che soffriremmo una drastica e irreversibile disoccupazione. Laddove i collegamenti marittimi con le isole sono svolti in maniera disgregata hanno significato un grave colpo all’occupazione, perfino dove è stata applicata la clausola sociale, nella migliore delle ipotesi, ha comportato delle condizioni di lavoro molto peggiorative ed altresì sono peggiorati i servizi e i collegamenti marittimi da e per le isole.

Pertanto chiediamo che il servizio sia svolto da un’unica compagnia armatoriale e che nel bando di gara sia inserita la clausola sociale e il contratto di secondo livello in essere, come previsto dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti Allegato A alla delibera n. 22/2019 del 13 marzo 2019 Misura 14 e dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, pubblicata sul bollettino settimane n. 48 del 24 dicembre 2018 “AS1546 DEFINIZIONE BANDI DI GARA ASSEGNAZIONE SERVIZI DI TRASPORTO MARITTIMO PASSEGGERI DA-TRA-PER LE ISOLE”.

Nel caso di affidamento orizzontale o a libero mercato ci piacerebbe sapere:

Come verranno impiegati i 216 marittimi, gli amministrativi e 50/60 marittimi utilizzati a tempo determinato per la sostituzione dei marittimi in malattia o per completare le tabelle d’armamento nel periodo estivo; molti di questi svolgono questo servizio da più di cinque anni.

Se il nuovo gestore o i nuovi gestori che effettueranno il servizio svolgeranno il servizio con navi che hanno tabelle di armamento inferiori a quelle delle navi Toremar o se impiegheranno il proprio personale per il sevizio; Come verranno impiegati i marittimi in esubero?

Riteniamo prioritario che le linee sovvenzionate e non, siano effettuate con almeno le stesse miglia eseguite in questi anni secondo il contratto di servizio con un unico gestore, proprio per garantire l’occupazione attuale di 216 marittimi con contratto CRL a tempo indeterminato e con la normativa 1 giorno di servizio = 1 di riposo, con cadenze quindicinali.

I LAVORATORI TOREMAR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Sciopero traghetti: oggi il monitoraggio, domani l’emergenza

Il piano predisposto dal Comune. L'invito: andate in centro città solo se necessario

“Mare inquinato all’Elba”, il sindaco chiede la rettifica

La Biodola in prima pagina. Nocentini: "Alziamo la guardia contro le fake news"

Autolinee Toscane: “i cambi di orario non li decidiamo noi”

La risposta al cittadino di Rio Elba: "Le decisioni le prendono Enti Locali e Regione"