Arrestato per ricettazione dalla Polizia cittadino tunisino

Insieme a lui altri due nordafricani denunciati per furto e ricettazione. La storia

Nella serata del 2 marzo 2024 personale  del Commissariato di Portoferraio, a seguito di attività di indagine finalizzata al contrasto di crimini predatori quali furti presso esercizi commerciali o all’interno di autovetture, posti in essere nel mese di febbraio e marzo nel Comune di Portoferraio, traevano in arresto per ricettazione un cittadino tunisino di 33 anni in regime di detenzione domiciliare a seguito di condanna per spaccio di stupefacenti,  che  veniva trovato in possesso di uno dei telefoni cellulari rubati negli scorsi giorni da un autovettura in sosta in una via di questo comune.

 Il soggetto, tradotto nel carcere di Livorno, veniva altresì denunciato per evasione per il mancato rispetto delle prescrizioni sulla detenzione domiciliare che stava espiando.

Nell’ambito della stessa indagine veniva denunciato a piede libero per ricettazione un cittadino marocchino di 44 anni anch’esso trovato in possesso di parte della refurtiva provento dei reati messi a segno nei giorni precedenti in locali commerciali della città.

L’attività del 2 marzo segue ad altra attività condotta nel mese di febbraio dal Commissariato che ha portato al deferimento all’Autorità Giudiziaria di altro cittadino di nazionalità tunisina, irregolare sul territorio nazionale, il quale poneva in essere un furto dalle vetrine di un esercizio commerciale nell’area portuale della città: in tale attività veniva sequestrata ulteriore refurtiva nella disponibilità del reo presumibilmente sottratta da abitazioni private

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Controlli dei NAS dei Carabinieri, sanzionati cinque locali

Gli interventi a Capoliveri, Portoferraio e Rio. Effettuati anche sequestri di alimenti

Parcheggio Capo Bianco: si chiude il processo , tutti assolti

Gli accusati erano Mauro Parigi, Giuliano Pardi e i coniugi Enrico Cioni e Raffaella Pucci

Capi d’abbigliamento contraffatti, sequestrati 5000 pezzi

Dalla Guardia di Finanza duro colpo ai fornitori. Valore commerciale circa 2 milioni