Sei compagnie interessate al bando continuità territoriale

La Regione: alcune di loro sono internazionali. A breve sarà varato il testo del bando

Il 28 febbraio è scaduta la manifestazione di interesse per i servizi marittimi nell’Arcipelago toscano in vista del contratto concluso il 31 dicembre 2023 e prorogato per tutto il 2024.

La procedura di consultazione degli operatori ha evidenziato l’interesse di sei imprese di navigazione operanti nel settore del trasporto marittimo passeggeri e merci con navi Ro-Ro e Unità Veloci.

«La folta partecipazione delle aziende alla nostra indagine di mercato è un’ulteriore dimostrazione della qualità del lavoro svolto in questi mesi — dichiara l’assessore regionale alla Mobilità Stefano Baccelli. — Merito di questo risultato, il fitto processo di ascolto e confronto intrapreso con i territori e i cittadini per assicurarci di mettere a punto un servizio davvero all’altezza delle esigenze di mobilità del nostro Arcipelago, con due linee aggiuntive e un netto +15% nella produzione migliatica. E ora di nuovo a lavoro — conclude Baccelli — per varare al più presto il bando che porterà alla nuova aggiudicazione.»

Adesso la Regione analizzerà nel dettaglio ogni evidenza manifestata dalle imprese, puntando a ottenere entro aprile un quadro definito delle indicazioni sul proseguo delle procedure previste dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti.

La partecipazione delle compagnie – alcune delle quali internazionali – giunge al termine del lavoro svolto dalla Regione in collaborazione con l’Autorità di Sistema Portuale del Tirreno Settentrionale

3 risposte a “Sei compagnie interessate al bando continuità territoriale

  1. Gianfranco Rispondi

    Solita cazzata della regione pidiota regalare le linee nel canale quelle che ci fanno i soldi e le altre chissà chi lo sa,comunque i soliti casini all’italiana

    3 Marzo 2024 alle 21:57

  2. Andrea Formante Rispondi

    Fallimento di questo risultato si rischia posti di lavoro vergogna regione un altro danno all’ Elba e nessuno dice nulla dopo ospedale anche i trasporti marittimi sono al lo sfascio grazie regione toscana del lavoro una

    1 Marzo 2024 alle 21:21

    • Patrizio Rispondi

      Sono allo sbando x colpa di chi sta gestendo ora questi collegamenti marittimi quindi spero tanto che gli vengono tolti…

      2 Marzo 2024 alle 14:49

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Continuità territoriale, incontro fra sindacati e Regione

Hanno partecipato Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e una delegazione di lavoratori Toremar

Toremar, la conferma: “le linee minori non ci interessano”

"Appetibile solo la linea A2 in regime di obbligo di servizio pubblico". Le conseguenze

Incidente in porto a Piombino, Moby Kiss contro scalandrone

Probabilmente perdita del controllo dovuta a un black out. Nessun danno alle persone