Bilancio di Rio, non è tutto oro quello che luccica

di Gruppo Consiliare "Cambiamo!"

Umberto Canovaro capogruppo di minoranza a Rio

Leggiamo il trionfale comunicato della Giunta comunale per via dell’approvazione del bilancio preventivo 2024 entro il corrente anno, senza sforamenti temporali. Bene, è giusto però precisare che anche altri comuni si sono adeguati al nuovo D.M 25 luglio 2023. Ad esempio, Campo nell’Elba.

E comunque , come il Sindaco, anche noi ci compiacciamo con gli uffici comunali per il solerte lavoro svolto. Con la differenza, rispetto a lui, che noi abbiamo sempre considerato il merito di chi lavora in Comune in mezzo a mille difficoltà, mentre lui lo scopre solo adesso; ed anzi, ha avuto sempre l’abitudine di scaricare le défaillances (anche politiche) addosso al personale quando qualcosa non ha funzionato.

Detto questo, la chiusura del bilancio con un utile disponibile di 293,5 mila euro non può e non deve far stare tranquilli, e ciò per più di un motivo.

1) Il computo dei residui attivi (somme accertate ma non incassate, tipo evasione etc.) si sta avvicinando ai 10 mln (9,7). Ricordiamo che nel 2017 era appena sopra la metà’ di adesso. Di qualcuno, sarà pure la responsabilità. E’ anche con queste cifre, incerte nella riscossione, che si va a tenere il bilancio in equilibrio.

2) Per pareggiare, ancora, si ricorre a un taglio secco di 500mila euro sulla spesa di beni e servizi. Ammesso che riescano davvero nell’impresa (cosa tutta da vedere), come saranno ridotti i paesi fra un anno, con molte meno risorse?

3) La gestione di cassa, ha visto nello scorso anno un decremento da 5,9 mln a 5,2( comprese le somme vincolate, non spendibili a piacimento), perdendosi nella gestione oltre 700mila euro. Succederà anche quest’anno, per via dei residui passivi da onorare?

4) Il risultato conclamato, di +293 mila, va verificato alla luce dei residui passivi, cioè delle somme ancora da dare a fornitori di beni e servivi: il che significa che se fossero state pagate entro l’anno tutte le poste, ammontanti in totale ad un valore di 2,2 milioni, ci sarebbe stato poco da godere e saremmo a debito.

In questo comune si spende troppo (9,7 milioni di uscite) e male. Lo abbiamo detto in consiglio citando situazioni e fatti, a partire dalla gestione dei rifiuti, all’illuminazione, alla scarsezza di manutenzioni. E  temiamo che le cose, a consuntivo di fine 2024, saranno ben diverse da come ce le stanno raccontando. Al di là di tutto, rimane il fatto che le previsioni in uscita di parte corrente, nelle carte della Giunta per il 2024, sono maggiori di 200mila euro sulle entrate presunte. Anche quest’anno quindi, stessa musica di sempre. E poco da gioire.

Gruppo Consiliare Cambiamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pasquale, il mio carissimo nemico

di Umberto Mazzantini

Una proposta di legge regionale per il fine vita

di Comitato  proposta legge regionale LIBERI SUBITO