Accadde il 15 dicembre, l’annnuario della memoria elbana

di Giovanni Frangioni

Il 15 dicembre 1819, nasce a Rio Marina, Vincenzo Mellini. Il babbo, Giacomo Mellini, aveva sposato l’ultima discendente del governatore Josè Ponce de Leon. Il figlio Vincenzo decise di voler aggiungere il cognome materno a quello paterno. Vincenzo Mellini, dopo gli studi universitari svolti a Pisa, tornò all’Elba, dove visse stabilmente e dove presto iniziò ricerche approfondite sulla storia dell’Elba e delle isole limitrofe. Fu scrittore e storico.
(Tratto da “Lo Scoglio n.116).

Il 15 dicembre 1864, uscì il secondo numero (il primo fu in aprile) de La Patria Libera, col sottotitolo “Rivista Periodica Elbana”; il gerente responsabile era ancora Antonio Ratti, il direttore il dott. Cesare Cestari. Il giornale diventa quindicinale e viene stampato a Firenze. Tra i collaboratori compare l’avv. Cesare Hutre.
(Tratto dal libro “Fermenti patriottici religiosi e sociali all’Isola d’Elba 1821- 1921” di Alfonso Preziosi).

Il 15 dicembre 1973, al Cantiere Navale Esaom, a Portoferraio, fu costruito il primo peschereccio. Fu chiamato “Città di Portoferraio”. Il maestro d’ascia fu Verderame Vincenzo e l’armatore Antonio Feola. Il motopeschereccio sarebbe stato utilizzato per la pesca del pesce azzurro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

“Un click nella storia riese”, giovedì nuovo appuntamento

Il progetto dell'associazione culturale "Carlo d'Ego" insieme ai ragazzi delle scuole di Rio

26 febbraio, la fuga di Napoleone dall’isola d’Elba

Duecentonove anni fa, dopo 299 giorni di permanenza. La storia di quel giorno