Capoliveri - le foto

Grandi pulizie sulla spiaggia di Mola. Segnale di attenzione

di Laura Di Fazio*

Grandi pulizie sulla spiaggia di Mola – Un tributo dovuto alla riqualificazione della zona umida di Capoliveri
Nei giorni scorsi la spiaggia di Mola nel Comune di Capoliveri è stata finalmente liberata dall’invasivo relitto del catamarano. L’Amministrazione comunale ha affidato i lavori di smaltimento del relitto che si era arenato sulla spiaggia da tempo, creando un colpo d’occhio ingiurioso per un sito che riveste un significativo rilievo ambientale sul territorio dell’Isola. Il sito è infatti compreso in una delle due zone umide isolane censite come zona B Riserva Generale Orientata del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, all’interno del SIR IT5160101 “Zone umide del Golfo di Mola e di Schiopparello” e del sito Natura 2000 (ZPS) IT 5160102 “Elba orientale”.
Come riportato dalla stampa locale, il via all’attività ha richiesto tempo poiché l’imbarcazione era di proprietà privata e si è dovuto notificare al proprietario, cittadino straniero, l’ordinanza di rimozione, atto a cui il destinatario non ha dato seguito.
Rimosso il relitto rimanevano in sede i rifiuti abbandonati da chi, approfittando della presenza dell’imbarcazione arenata, ha peggiorato lo stato dell’arenile gettandovi ogni genere di immondizia. Legambiente, attenta alla cura costante anche di questa zona, si è complimentata per l’opera di riqualificazione messa in atto.
L’Amministrazione comunale di Capoliveri ha ritenuto doveroso dare un segnale di ulteriore e concreta attenzione al sito di notevole interesse ambientale, organizzando nella mattina del 15 luglio un intervento di pulizia dai residui rifiuti a cui, nella mia veste di Assessore alla Tutela dell’Ambiente del Comune, ho partecipato con soddisfazione dando una mano ai volenterosi e solerti operai comunali che in poche ore hanno raccolto e portato via quasi un camion di rifiuti.
Questa iniziativa voluta dall’Amministrazione comunale di Capoliveri si colloca in una serie di attività per la riqualificazione di aree delicate e di importante rilevo ambientale che vanno massimamente difese, nel rispetto e nella tutela del territorio che costituisce, assieme al mare pulito, motivo di orgoglio e di ricchezza inestimabile per i residenti e per gli ospiti che scelgono il Comune di Capoliveri come meta delle loro vacanze.
E un messaggio è rivolto anche alle nuove generazioni che, con impegno ed entusiasmo, possono contribuire a conservare l’integrità del territorio dell’Isola d’Elba, patrimonio prezioso che richiede amore ed impegno corale per l’oggi e per il futuro.
Abbiamo ancora tanto da lavorare ma come dice un saggio… per finire bisogna cominciare.
Avv. Laura Di Fazio
*Assessore alla Tutela dell’Ambiente del Comune di Capoliveri

Una risposta a “Grandi pulizie sulla spiaggia di Mola. Segnale di attenzione

  1. Ruggero Barbetti Rispondi

    Povera Capoliveri,
    se l’assessora trascina i sacchi vuol dire che non ha ancora capito il suo ruolo che è quello di mero indirizzo politico, a meno che non pensi di farsi pubblicità.
    Ma conoscendola, chi le può credere? Non è proprio il tipo.
    Invece di andare a Mola a farsi le foto con i sacchi, vada in Comune e da assessora all’Edilizia cerchi di capire il sistema che sta perpetrando il sacco edilizio nel territorio di Capoliveri. Perchè, senza mezzi termini, le cose sono due: o è incompetente o è connivente.
    Se finora non ha fatto nulla a causa della sua incompetenza da oggi in poi, se non blocca questo andazzo, ne sarà chiaramente connivente.
    E se non si sente all’altezza del ruolo ricevuto abbia almeno il buon senso di dare le dimissioni!!
    Altro che foto con i sacchi neri….

    22 Luglio 2023 alle 12:32

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il venturone corso, particolare e colorata specie delle isole

di Antonello Marchese* e Giorgio Paesani**

A febbraio pronta la relazione su come eradicare ungulati

La società incaricata dal Parco sta preparando la metodologia, presto i risultati

Sammuri: “Pianosa non può sostenere presenze antropiche”

Il presidente del Parco sulla proposta Barbetti: "Mancano acqua e fognature". L'intervista