Raccolta di firme per evitare il pensionamento delle suore

Una lettera del sindaco Maurizio Papi per mobilitare l'opinione pubblica. La storia

La sede dell'asilo del Poggetto gestito dalle suore

Una raccolta di firme per evitare il pensionamento (presso un ospizio ecclesiastico) di due delle storiche suore delle Figlie della Carità della Provincia Romana di Porto Azzurro. Se ne è fatta promotrice l’amministrazione comunale longonese, che per mano del sindaco Maurizio Papi ha scritto una lunga lettera che spiega l’accaduto e annuncia iniziative.

Fra l’altro, è partita una raccolta di firme, lanciata dalla amministrazione comunale dalla sua pagina Facebook:

“Visto il grande fermento popolare – si legge –  oggi, dalle ore 16, presso il Palazzo Comunale, sarà possibile firmare per dimostrare il nostro affetto a Suor Silvia e Suor MariaStella, affinché ci sia più dialogo e possano continuare a trascorrere la loro vita su al Poggetto assieme alle altre suore e alla loro gente. L’iniziativa continuerà anche domattina.”

Ma ecco il testo della lettera che Maurizio Papi ha scritto alla Superiora delle Figlie della Carità della Provincia Romana:

“Preg.,ma Reverenda madre

mi trovo costretto a scriverLe ma non per questioni che riguardano la ns futura collaborazione, ma per un fatto evidente che concerne le suore dopo l’arrivo della nuova Superiora. Come ben sa, per gli abitanti di Porto Azzurro “Il Poggetto” è un punto di riferimento importantissimo, in cui tutti han trovato udienza, grazie all’instancabile opera di tre donne, l’una completamento dell’altra. Ma il bel clima d’accoglienza che si poteva respirare è cambiato. Come se un qualche meccanismo che regolava il benessere di quella famiglia si sia incrinato: Ad esempio sappiamo, perché il paese è piccolo e le notizie circolano veloci, che suor Gemma e suor Silvia han dovuto dar via, regalandoli, tutti i loro animali che accudivano con un impegno che le teneva attive dopo una vita passata in mezzo ai bambini. Adesso si è sparsa la voce in paese che Suor Silvia (e Suor Mariastella di conseguenza) sia prossima al trasferimento verso una casa per suore anziane. Ciò la condurrebbe senz’altro verso una morte spirituale se non fisica. Non è accettabile intuire da mezze parole e da sguardi sospesi che una donna come Suor Silvia possa essere trasferita, sradicata dalla Sua comunità che ha servito da vera Figlia della Carità dopo quasi 25 anni e al termine della sua vita terrena. Una donna che nonostante i suoi anni è ancora attiva, fresca d’animo, pronta a farsi carico dei problemi morali (e anche materiali) dell’altro, donando la cosa più importante che abbiamo a disposizione: il nostro tempo. E assieme al tempo consigli, sorrisi preghiere e cibo ( anche il proprio). A Roma forse non giungono queste notizie o si danno per scontate ma ogni giorno che Dio mette in terra Sr Silvia va a trovare gli anziani e gli allettati per portar conforto, una carezza, un ovetto fresco, un pezzo di torta, un qualche prodotto che i supermercati del luogo le donavano ogni sera per soddisfare queste esigenze. E’ una donna che ha donato sé stessa agli altri fino allo spasimo, rinunciando spesso anche alla sua cena. Ed in trent’anni di vita amministrativa posso dirle che difficilmente ho trovato suore così attive e benvolute nel settore sociale. Il cambiamento avvenuto in casa, probabilmente ha indotto l’irrequietezza e la tristezza che ultimamente vengono notate nelle suore e riferite dalla comunità stessa. Da Sindaco le posso anche confermare che un allontanamento del genere non verrà certo accettato dalla comunità verso cui suor Silvia in primis è punto di riferimento, dove ha coltivato un’infinita serie di affetti come una nonna con tanti nipoti e che farò tutto quanto il mio potere per scongiurare tale evento. È quindi desiderio mio e di tutta la comunità, ma penso di esprimerlo anche a nome delle stesse consorelle, che possano risiedere a Porto Azzurro fino al termine del loro cammino terreno.

E’ una questione di sentimento e riconoscenza.”

Il Sindaco

Dr. Maurizio PAPI

Una risposta a “Raccolta di firme per evitare il pensionamento delle suore

  1. Mitty Rispondi

    Sei grande👏Bravo

    18 Agosto 2023 alle 16:18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Detenuto di rientro da permesso tenta di introdurre droga

di sindacato UIL PA Polizia penitenziaria

Ruba piante fuori a un locale, denunciata dai Carabinieri

La donna, una 50enne del posto, ha prelevato la refurtiva sul lungomare del paese