Una escursione mineralogica sui sentieri di Monte Calamita

Organizza il CAI Isola d'Elba domenica 12 febbraio. Il programma della giornata

Con Gigi Benassi e l’ex docente di Mineralogia dell’Università di Pisa Prof. Marcello Mellini, domenica 12 febbraio percorreremo un sentiero che permette di raggiungere la vecchia strada delle miniere, che gli “omini della vena”, i cavatori di Capoliveri, percorrevano alzandosi alle 4 del mattino per andare a lavorare nelle Miniere di Calamita.
Il percorso conduce nel cuore della grande miniera dove è possibile rendersi conto dei grandi sbancamenti effettuati nei secoli per estrarre non solo la magnetite, ma anche il rame, con tutti suoi prodotti di alterazione che potremo vedere addentrandoci nella “Grotta del Rame”, e prodotti di grande interesse mineralogico come ilvaite, granato, epidoto, ecc.

Edifici e attrezzature abbandonate fanno parte di una archeologia industriale dei luoghi.

Tutto il percorso è affascinante, oltre agli scorci panoramici, si passa dalla macchia mediterranea ai vecchi cantieri delle miniere, dalle orchidee selvatiche alle pernici rosse e alle farfalle.
Particolarmente importante la presenza della pernice rossa, specie la cui presenza potrebbe risalire all’ultima glaciazione del pleistocene, o se si vuole credere alla leggenda, si dice che sia sbarcata sull’isola all’inizio dell’Ottocento per volere dell’allora Granduca di Toscana. Oggi è una specie protetta dalla Direttiva Habitat e dalla Convenzione di Berna

Dati escursione:
Accompagnatore CAI: Gabriella Solari
Ritrovo: ore 10.00 Parcheggio in prossimità della spiaggia dell’Innamorata
Durata: ore 3.30
Dislivello positivo: 398m
Lunghezza: 10 km
Difficoltà: E

Info utili:
Conducono l’escursione Gigi Benassi e l’ex docente di Mineralogia dell’Università di Pisa Prof. Marcello Mellini.
Pranzo al sacco
Consigliata torcia per visitare la grotta del rame.
Obbligatorie scarpe da trekking e acqua.

Dettaglio escursione: Escursione nell’area sud-orientale dell’isola, nel Comune di Capoliveri, con partenza dal piccolo parcheggio in prossimità della Spiaggia dell’Innamorata. Dal parcheggio in fondo alla spiaggia dell’ Innamorata, proseguiamo sul sentiero che con una breve rampa, ci porta sul promontorio, proseguiamo sul sentiero della “Via del Ferro” con un percorso pianeggiante nella macchia, che si immette nella strada comunale da seguire fino alla località “Il Calone”, seguendo la mulattiera, sede del vecchio binario del minerale, si scende lungo i terrazzamenti del Cantiere del Vallone fino a raggiungere la miniera a cielo aperto di Calamita. Con il Prof. Mellini visiteremo la Grotta del Rame. Percorrendo un lungo traversone pianeggiante attraversiamo il Fosso di Fosco, e proseguendo lungo i tornanti, torniamo alla strada sterrata proveniente da Capoliveri, fino a ridiscendere verso il parcheggio alla Spiaggia dell’Innamorata.

Evento gratuito per i soci CAI, i non soci devono invece effettuare almeno due giorni prima un bonifico di 7,50€ sul conto bancario intestato a:

CAI sottosezione Isola d’Elba
IBAN: IT45I0637070740000010002214
Causale: (Quota non socio escursione “nome escursione” – “data escursione”)
Successivamente inviarne attestazione via email, assieme ai propri dati identificativi (nome, cognome, data di nascita, cellulare) a info@caielba.it . Riceveranno una conferma scritta. Non è purtroppo possibile raccogliere il contributo in loco il giorno stesso della escursione.

IN ALTERNATIVA PRENOTA SU https://www.caielba.it/eventi-in-programma/

Attenzione: le foto e i video realizzati in occasione delle escursioni sociali potranno essere utilizzate dalla Sottosezione CAI Elba per attività promozionale o altri scopi attinenti all’attività del Club anche attraverso il web, salvo espressa dichiarazione contraria del partecipante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Truffe agli anziani, tutti i consigli utili per evitarle

La campagna di informazione dei Carabinieri della Compagnia di Portoferraio

“Operai forestali essenziali per la tutela dei boschi”

Con 7 milioni e 144mila euro la Regione Toscana ha finanziato i programmi forestali 2023

“Ictus, pochi minuti valgono una vita”: il convegno

L'evento di Fondazione Confcommercio Toscana Onlus giovedì 30 a Portoferraio