Vaccino

Covid-19, partono le quinte dosi per chi ha già fatto la quarta

Ulteriore richiamo per gli ospiti delle Rsa e per i sessantenni con fragilità per patologie

Quinta dose di vaccino contro il Covid-19 per gli ottantenni ospiti delle Rsa e i sessantenni con patologie concomitanti e preesistenti che li espongono ad un maggior rischio. Per questa fascia di popolazione il Ministero della salute raccomanda il terzo richiamo. Ma dal 25 ottobre alle 14 sul portale della Regione Toscana prenotavaccino.sanita.toscana.it
anche chi ha sessanta o più anni (e nessuna patologia particolare) potrà prenotarsi. L’opportunità riguarda naturalmente chi ha ricevuto da almeno quattro mesi la quarta dose, fatta con un vaccino monovalente.

“E’ importante – sottolinea l’assessore alla salute, Simone Bezzini – che le persone che ancora oggi hanno il rischio più alto di avere effetti negativi e di necessitare dell’ospedalizzazione si vaccinino. Aiuta loro, riducendo il rischio di complicanze, ed aiuta anche gli altri, perché riducendo gli accessi al pronto soccorso e in ospedale, si garantiscono prestazioni e posti nei reparti a beneficio di chi ne abbia necessità per altre sindromi o patologie”.

La Regione Toscana si è organizzata per la quinta dose sulla base della circolare del Ministero della salute del 23 settembre scorso, che, visto l’aumento dei contagi, ha aggiornato le indicazioni sull’utilizzo dei vaccini a m-Rna bivalenti, quelli adattati alla variante omicron 5. L’obiettivo è per l’appunto consolidare ancora di più la protezione nei confronti delle forme più gravi di Covid-19.

La circolare raccomanda nello specifico un’ulteriore dose di richiamo per gli ospiti delle Rsa che hanno almeno ottanta anni e per i sessantenni ed over 60 con fragilità motivata da patologie concomitanti o preesistenti, i quali hanno ricevuto una seconda dose di richiamo con vaccino a Mrna monovalente (trascorsi almeno 120 giorni dalla stessa o dall’ultima infezione), e per chi ha almeno sessant’anni e chiede di vaccinarsi, sempre a distanza di quattro mesi dal secondo richiamo (quarta dose) fatto con vaccino monovalente o dall’infezione.

Si ricorda che i vaccini contro il Covid possono essere somministrati assieme ad altri vaccini, ad eccezione di quello contro il vaiolo delle scimmie. In quel caso l’indicazione rimane quella di far trascorrere almeno quattro settimane. La circolare sottolinea l’importanza di considerare la possibilità di fare insieme vaccino contro il Covid e vaccino contro l’influenza, di cui è in corso la campagna stagionale.

In attesa dell’apertura del portale delle prenotazioni – e comunque anche durante – i medici di medicina generale potranno garantire la vaccinazione a tutti i soggetti che intendono aderire: sia per la quinta come per la quarta dose.

2 risposte a “Covid-19, partono le quinte dosi per chi ha già fatto la quarta

  1. Antonella Rispondi

    Non credo proprio chelo farò!! Ci piantano veleno!! Io che ho fatto la 3 dose ed altre persone che conosco ci siamo sentiti tutti deboli per tutta la stagione!! Ma sicuramente questo messaggio non lo metterete!!!

    20 Ottobre 2022 alle 18:04

    • Paolo Chillè Rispondi

      Hai creduto male.

      20 Ottobre 2022 alle 18:26

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

“Regione taglia il trasporto gratuito per malati oncologici?”

Capecchi (FdI): "Dal 1 novembre è stato tolto trasporto con auto-vettura e soccorritore"

Visite specialistiche, si può disdire anche via e.mail

La disdetta va fatta entro 48 ore dall'appuntamento fissato. Gli orari

ASL: firmato il contratto integrativo per il comparto

Un aumento in busta paga di 860 euro; 3 milioni di euro per la retribuzione di risultato