Lavoratori Portuali, adesione quasi totale allo sciopero

L'agitazione continuerà fino al 4 ottobre, deciso il blocco degli straordinari

L’adesione allo sciopero dei lavoratori portuali previsto per la giornata di giovedì 22 settembre è stata intorno al 95%. Un ottimo risultato, che conferma la compattezza del fronte dei lavoratori e il loro bisogno di ottenere risposte in termini di sicurezza, salute e salario. 

Lo stato di agitazione dei lavoratori del sistema portuale livornese (Livorno, Piombino e Elba) si protrarrà fino al prossimo 4 ottobre: fino a questa data è stato infatti deciso il blocco degli straordinari. La decisione è stata presa al termine dell’incontro avuto oggi con il presidente dell’Autorità di sistema portuale Luciano Guerrieri. Si è trattato di un incontro sicuramente positivo. 

“L’authority , che ringraziamo ancora una volta per la disponibilità – scrivono i sindacati – ha dichiarato che sin dai prossimi giorni proseguirà nella sua opera di mediazione con i rappresentanti del mondo delle imprese per cercare di trovare soluzioni sostenibili soprattutto in tema di riorganizzazione del lavoro portuale, riduzione del precariato e contenimento del lavoro straordinario. Apprezziamo l’impegno del presidente Guerrieri per cercare di ricomporre il filo del dialogo con il mondo delle imprese e per arrivare ad una mediazione degli interessi in campo. 

I lavoratori – dopo 10 giorni di sciopero – si aspettano risposte concrete. Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti continueranno come sempre a mantenere alta l’attenzione, pronte, nel caso ce ne fosse bisogno, al alzare nuovamente il livello della protesta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Portuali, salta la trattativa: è ripartito lo sciopero

Il confronto, durato dalle 10 alle 17, non ha purtroppo generato gli effetti sperati

Carcere di Porto Azzurro, problematiche nella gestione

Problemi col sopravvitto dei detenuti e proteste, l'allarme dei sindacati

Traghetti, caos agli imbarchi e prezzi alle stelle

Landi: "La Regione non finga di vedere i disservizi e faccia rispettare le regole"