Sono nate altre due tartarughine marine a Sant’Andrea

Continua il monitoraggio e la sorveglianza da parte dei volontari di Legambiente

Le tartarughine marine che continuano a uscire dal nido di Sant’Andrea sembrano preferire la notte fonda o il pieno giorno. Stanotte, alle 2,32 una tartarughina solitaria ha cominciato il breve ma faticoso cammino verso il mare che ha raggiunto mezz’ora dopo e dove purtroppo è stata immediatamente attratta verso gli scogli del Contoncello da un faro abbagliante e dalle luci dei lampioni rimaste accese. Se non fossero presenti durante tutta la notte i volontari di Legambiente, che poi recuperano le tartarughine smarrite alle prime luci dell’alba, nelle prime due giornate di uscita delle tartarughe dal nido si conterebbero probabilmente diverse tartarughine divorate dai gabbiani e, in questo caso non per una causa naturale ma per un disturbo antropico che potrebbe essere evitato con un minimo di buona volontà e buon senso.

Un’altra tartarughina ha preferito aspettare la mattina per abbandonare il nido ed ha iniziato la sua corsa verso il mare alle 7,10, accompagnata e misurata a debita distanza e fotografata come una star dai volontari del Cigno Verde mentre affrontava, con qualche fatica, ma alla fine con successo, le onde che si infrangevano sulla spiaggia.

Chi volesse partecipare ai turni di sorveglianza del nido può chiamare Isa: 3407113722

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Sant’Andrea, le corse delle tartarughe e del Comune

La lettera del Vicesindaco e Assessore all’Ambiente di Marciana, Susanna Berti

Parte dal Giglio il 10 settembre il Walking Festival

Il programma completo e il calendario delle iniziative previste sulle isole toscane

Foca monaca a Capraia, eccezionali riprese all’infrarosso

"Queste immagini sono una conferma straordinaria", ha commentato Sammuri