Asa: “L’impianto di Schiopparello funziona perfettamente”

I valori batteriologici sono vicini allo zero, come accertato da Arpat e Capitaneria

In riferimento all’articolo sul depuratore di Schiopparello, ASA rigetta fermamente le accuse in esso contenute, confermando, con inequivocabili prove documentali, il regolare funzionamento dell’impianto.
Risulta assolutamente infondato, in particolare, che l’ipotetico inquinamento batteriologico rilevato alla foce sia dovuto al depuratore. L’impianto, utilizzando la moderna e costosa tecnologia a membrane MBR, produce infatti acqua in uscita i cui valori batteriologici sono prossimi allo zero. Valori che, si badi bene, sono paragonabili a quelli di un’acqua potabile e, di conseguenza, di gran lunga inferiori ai limiti massimi di 5000 escherichia coli previsti dalla normativa.
Tale eccellente risultato, decisamente non comune nella depurazione, si ottiene proprio grazie alla capacità filtrante delle membrane MBR, che non fanno passare “nemmeno i batteri” nell’acqua in uscita. È poi opportuno sottolineare che questo risultato si ottiene senza utilizzare disinfettanti, come ipoclorito di sodio o acido peracetico, ottenendo un ulteriore vantaggio per l’ambiente.
I controlli regolarmente eseguiti da Arpat e dalla capitaneria, oltre che le analisi realizzate da ASA su base quindicinale e non solo mensile come previsto dall’autorizzazione, confermano in modo inequivocabile quanto appena affermato.
ASA, beninteso, risponde dell’acqua scaricata nel nostro punto di consegna e non delle attività eventualmente realizzate a valle da soggetti terzi. Le nostre attività sono svolte nel rispetto delle normative ambientali e dell’autorizzazione allo scarico rilasciata dagli organi competenti, la cui affidabilità non può certo essere messa in discussione da affermazioni prive di qualsiasi base scientifica.

4 risposte a “Asa: “L’impianto di Schiopparello funziona perfettamente”

  1. Dante Rispondi

    Da inesperto, ma da curioso mi viene da partecipare a questo dibattito. Le acque scaricate nel fosso della Madonnina e provenienti dal depuratore di Schiopparello, è appurato che le schiume e i residui scuri, sono causati dalla presenza di acqua marina nella fognatura della città e che l’impianto non riesce a trattare. Per cui queste acque oltre al mal funzionamento dell’impianto, non possono essere utilizzate per l’irrigazione agricola, come da progetto iniziale, con lo stoccaggio nell’invaso del Bucine, per cui la soluzione dello sarico nel fosso. Non credo che quelle acque siano inquinate, sta di fatto che l’impianto ha gravi carenze, infatti nel tratto di strada da località Orti fino alla nuova rotonda emana ” un puzzo e un’alito di lezzo ” (come avrebbe detto il Manzoni) che ti fa rivoltare lo stomaco.

    6 Agosto 2022 alle 12:27

  2. Elisabetta Maestrini Rispondi

    Buongiorno.
    confermo la presenza di esalazioni maleodoranti nei pressi della strada che porta alle Terme, inoltre durante tutto l inverno e la primavera scorsa erano ben visibili le mucillagini sulla superficie e appena sottostanti il mare a livello della foce del canale in oggetto e anche sulla Punta della Rena

    6 Agosto 2022 alle 12:12

  3. Filippo Rispondi

    Sono felice di invitare tutta l’amministrazione asa per un’aperitivo a base di prosecco e aromi vari a casa mia.
    Dalle 20 in poi esce dalla centrale di depurazione asa un odore nauseante.
    Chi vive a schiopparello come me chiama l’ufficio asa almeno tre volte alla settimana per reclamare il fatto.
    Schiopparello alto da maggio a settembre e invivibile dobbiamo cenare in casa con finestre chiuse .
    Sicuramente l’acqua in uscita non ha batteri …ma chi ci pensa agli abitanti di schiopparello??

    6 Agosto 2022 alle 11:51

  4. Federica Nassi Rispondi

    Buongiorno non essendo competente un materia, rilevo un cattivissimo odore di “liquami” durantr ul transito sulla provinciale du San Giovanni, più i meni all’altezza del canake antistante le Terme di San Giovanni, dove talvolta risulta vusibile una tubazione che getta una grande quantità du acqua nel sopramenzionato canale. Ovviamente, come premesso unesperta, avviso solo un persistente cattivo odore di liquami, peraltro durante tutto l’anno.

    6 Agosto 2022 alle 11:51

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Servizio navetta in occasione dei fuochi di San Rocco

Il mezzo partirà da Rio Elba alle 22 e poi farà spola dal campo sportivo verso il paese

Fiamme da una baracca, incendio in località Lavacchio

Sul luogo i vigili del fuoco, i carabinieri forestali e volontari. Attivato l'elicottero

Incontro con la navigazione al tempo Etrusco

Appuntamento 21 agosto con le archeologhe Edina Regoli e Carolina Megale