Le foto

Sea Shepherd Italia e il PNAT per l’ecosistema marino

L'accodo sancisce l'impegno di cooperazione per la tutela della biodiversità marina

Con la visita del Vicepresidente del Parco Nazionale Arcipelago Toscano, Stefano Feri, a bordo della M/Y
Conrad, si ufficializza la firma del protocollo d’intesa tra Sea Shepherd Italia e l’Ente Parco, approvato dal
Consiglio Direttivo PNAT del 30 marzo scorso. L’accordo sancisce il reciproco impegno di cooperazione per la
tutela della biodiversità marina all’interno delle aree di estensione a mare del Parco Nazionale Arcipelago
Toscano.
Le navi di Sea Shepherd sono impegnate nel pattugliamento delle acque comprese nel Parco Nazionale già da
alcune settimane. L’obiettivo è coadiuvare le autorità competenti in presenza di pesca illegale con immediata
segnalazione e individuazione delle attività di bracconaggio. Le operazioni sono supportate dal Reparto
Aeronavale (ROAN) della Guardia di Finanza, in coordinamento con il Corpo delle Capitanerie di Porto.
La presenza delle imbarcazioni di Sea Shepherd, riconoscibili attraverso l’effige “Jolly Roger”, fungerà da
deterrente verso ogni ingresso non autorizzato, soprattutto con riferimento alle zone 1 delle aree di protezione
a mare.
“L’obiettivo di questa importante intesa”, sottolinea Andrea Morello, Presidente Sea Shepherd Italia, “è quello
di potenziare gli sforzi al contrasto di pratiche di pesca vietate dal regolamento del Parco e dalla normativa
nazionale. Colpire la pesca illegale in modo sempre più efficace è necessario, visto che la ricchezza del
patrimonio naturale ospitato dal Parco è minacciata quotidianamente dal bracconaggio.”
“I nostri impegni congiunti devono essere indirizzati alla tutela dei nostri clienti: la fauna e la flora marine, al
fine di mantenere la prosperità del loro ecosistema, da cui dipende la nostra stessa esistenza.” Sea Shepherd
quest’anno ha deciso di destinare parte dei propri sforzi verso un obiettivo specifico, scaturito dai recenti
avvistamenti di rari esemplari di Foca Monaca nelle acque italiane. “Questo protocollo rafforza l’intento di Sea
Shepherd”, continua Morello, “poiché una tutela senza compromessi dell’Arcipelago Toscano potrà ricreare
quell’ambiente idoneo al ritorno della Foca Monaca nell’arcipelago, suo habitat storico fino al secolo scorso.”
Il protocollo stabilisce inoltre l’avvio di attività di sensibilizzazione su tematiche ambientali rivolte alle comunità
locali. Sono previsti incontri a carattere divulgativo con lo scopo di far conoscere Sea Shepherd e la missione che
da sempre ne caratterizza l’operato: preservare, difendere e proteggere i mari di tutto il mondo.
“L’accordo con Sea Shepherd – sottolinea il Presidente del PNAT Giampiero Sammuri – consolida le azioni di
presidio e di tutela garantite nel Parco Nazionale, in questo caso con riferimento alle aree protette a mare. Uno
sforzo ulteriore per aumentare la protezione del capitale naturale e degli habitat marini che rappresentano
un’eccellenza dell’arcipelago toscano.”
“Iniziamo questa collaborazione – conclude il Vicepresidente del PNAT Stefano Feri – avendo concordato di
concentrare l’attenzione e le attività di presidio nelle acque protette delle isole di Giannutri e Pianosa. Il
compito di Sea Shepherd sarà quello di segnalare prontamente a Guardia di Finanza e a Capitaneria di Porto
eventuali comportamenti che violino le aree protette a mare. Un impegno ed una collaborazione importanti che
riteniamo darà certamente ottimi risultati.”

Dal sito dell’Associazione (https://www.seashepherd.it/) si legge “Costituita nel 1977, Sea Shepherd è
un’organizzazione internazionale senza fini di lucro la cui missione è quella di fermare la distruzione dell’habitat
naturale e il massacro delle specie selvatiche negli oceani del mondo intero, al fine di conservare l’ecosistema
marino. Sea Shepherd pratica la tattica dell’azione diretta per investigare, documentare ed agire per impedire
le attività illegali in alto mare. Salvaguardando la delicata biodiversità degli ecosistemi oceanici, Sea Shepherd
opera per assicurarne la sopravvivenza per le generazioni future”

Foto di Sea Sheperd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Zini e Montagna: “Trasporti non vanno, danno d’immagine”

"Uniamo le nostre energie per comunicare l’immagine dell’isola con una linea comune”

Seif, l’Onorevole Rossella Muroni ospite della manifestazione

"Sarà molto importante esserci. Le donne sono fondamentali nella difesa del mare"

Santo Altavilla nuovo comandante della Capitaneria di Porto

Subentra ad Antonio Morana, partecipata cerimonia per il passaggio di consegne