L’architetto Nicola Ageno lascia il Comune di Porto Azzurro

Concluso il percorso urbanistico da lui curato con l'adozione degli ultimi atti

Nella serata di martedì 3 maggio il Comune di Porto Azzurro ha adottato il Piano Strutturale Intercomunale (con il comune di Rio, ndr), il PEEP, due piani di recupero di iniziativa privata, che vanno ad aggiungersi al Piano Operativo e il Piano Regolatore Portuale approvati lo scorso anno. A ricordarlo è l’architetto Nicola Ageno, che ancora per qualche giorno è il responsabile dell’Ufficio Urbanistica del Comune di Porto Azzurro.

“Si tratta – scrive infatti Nicola Ageno sulla sua pagina Facebook –  della conclusione del mio percorso professionale a Porto Azzurro e dell’incarico affidatomi dal Sindaco Papi, che ringrazio per la totale fiducia accordatami . Nuove sfide professionali arriveranno, al momento come libero professionista, ad esempio il Piano di Rigenerazione Urbana del Comune di Morlupo (Rm), ma nel frattempo la stanchezza (tanta) e lo stress (a livelli astronomici) sono indubbiamente superati dalla soddisfazione (grande). Con l’occasione ringrazio anche lo studio Ciampa e Giusti e tutti gli uffici regionali e in particolare modo l’arch. Alessandro Marioni per il costante supporto, l’arch. Domenico Scrascia e la Soprintendenza per averci assecondato collaborando attivamente a farci arrivare nei tempi previsti a questi ultimi atti. A chi, dopo le elezioni, prenderà il mio posto, un grande e sincero in bocca al lupo, si troverà tanto lavoro da fare, soprattutto nel processo di informatizzazione della gestione delle pratiche edilizie (un mio pallino) da completare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Marciana Marina convoca il consiglio comunale

Solo tre punti all'ordine del giorno, la convocazione è in sessione ordinaria

Elezioni, Marciana Marina: Gabriella Allori si ricandida

Il sindaco uscente corre per il secondo mandato con la lista Per Crescere Insieme

Elezioni, Marciana Marina: si candida Flavio Mazzei

L'ex dipendente del Monte dei Paschi si oppone al sindaco uscente Gabriella Allori