50mila euro dalla Regione per i musei dell’Arcipelago

Incontro in presenza del Comitato Tecnico Scientifico con i vertici della Regione Toscana

Si è tenuta giovedì 4 luglio pomeriggio, nelle sale di Via Farini, a Firenze, presso gli uffici della Regione Toscana, un’importante e partecipata riunione del comitato tecnico scientifico del Sistema Museale dell’Arcipelago Toscano.

L’incontro, promosso dal Sistema Museale e organizzato in collaborazione e grazie all’accoglienza  della Regione, è stato arricchito dai contributi di Elena Pianea, direttrice del settore beni, istituzioni, attività culturali e sport e di Maurizio Martinelli, funzionario e referente in materia di programmazione museale, promozione e valorizzazione del sistema museale regionale. L’incontro della delegazione dell’arcipelago – che ha visto partecipare quasi tutti i referenti scientifici delle strutture aderenti alla rete e l’Assessora con delega alla Cultura del Comune di Capraia Isola, Nawal Menad, per la parte politica – ha avuto come oggetto la discussione dei prossimi obiettivi di sviluppo della rete che saranno realizzati anche grazie al supporto economico della Regione tramite bandi vinti dal Sistema e contributi di vario genere.

Per il 2024, infatti, ammonta ad oltre 50.000 € il sostegno economico proveniente dalla Toscana per i musei insulari, grazie progetti presentati dalla rete (30.511,55 € per il Sistema), e ai contributi riservati ai due musei che hanno ottenuto negli ultimi anni la rilevanza regionale: 10.648 € per il Museo mineralogico e gemmologico Luigi Celleri a Campo nell’Elba, e 9.947 € per la Pinacoteca comunale Foresiana a Portoferraio.

Fra i focus principali dell’incontro c’è stata la presentazione del progetto artistico-scientifico Anadyomene. Nascente dall’acqua, residenza d’artista di Roberto Ghezzi avviata la scorsa settimana nelle acque dell’Arcipelago, la prossima realizzazione di una pubblicazione comprensiva del Sistema Museale, oltre ad altri spunti per progetti a carattere archeologico che riguarderanno l’isola di Capraia.

Il progetto della guida dei musei, che è stato discusso nelle sue linee guida anche grazie agli interventi del responsabile comunicazione S.M.AR.T, Giacomo Alberto Vieri e del graphic designer Maurizio Lirussi, comincia a gettare le basi verso una realizzazione che dovrà chiudersi entro il mese di Marzo 2025 e che prevede la stesura, redazione e stampa di un compendio che racchiuda le strutture museali, i luoghi di interesse più vari focus di approfondimento per i siti culturali dislocati sulle 7 isole dell’Arcipelago Toscano.

Un primo esempio virtuoso di guida, ad oggi ancora mancante sul territorio.

“E’ stato un felice incontro”, afferma Anselmi: “Vista la peculiarità del territorio insulare sul quale il nostro sistema si estende, siamo abituati a riunirci sempre online. L’incontro in presenza del nostro Comitato Tecnico Scientifico, del quale fanno parte dodici preziosi tecnici con professionalità diverse vista l’eterogeneo patrimonio che i nostri musei custodiscono, è stata un’ottima occasione per confrontarsi e per definire insieme i prossimi sviluppi di questa rete. E’ stato per me molto importante e motivo di orgoglio sentire il supporto e la condivisione degli enti regionali così come vedere i vari Direttori, referenti e professionisti mettersi intorno al tavolo ed elaborare proposte, confronti, opportunità. Una vera squadra che rappresenta un concreto punto di forza del Sistema”.

La guida, sui cui dettagli progettuali è ovviamente ancora prematuro porre attenzione, contenutisticamente avrà lo scopo di racchiudere tematismi, curiosità e radici storico-scientifiche delle realtà presenti in maniera agile ed intelligente.

 

Alla riunione di giovedì hanno aderito con partecipazione, oltre ai vertici della Regione:

  • Valentina Anselmi, storica dell’arte, direttrice scientifica del Sistema Museale S.M.AR.T.,
  • Lorella Alderighi, funzionaria archeologa SABAP Pisa e Livorno, responsabile per le isole della provincia di Livorno;
  • Franco Cambi, responsabile scientifico per le aree archeologiche di Portoferraio (LI), docente di Archeologia dei Paesaggi, Archeologia e storia dell’agricoltura antica, Paesaggi dell’Italia antica presso il Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Siena;
  • Marco Firmati, archeologo, Direttore del Museo archeologico del Distretto Minerario di Rio (LI),
  • Luca Maria Foresi, Direttore del Museo delle Scienze geologiche e archeologiche di Pianosa, Isola di Pianosa (LI), docente di Paleontologia presso il Dipartimento di Scienze Fisiche della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Siena
  • Enrico Maria Giuffré, Funzionario archeologo SABAP Siena, Grosseto e Arezzo, responsabile per le isole della provincia di Grosseto (Giglio e Giannutri)
  • Nawal Menad, restauratrice, Assessore alla Cultura dell’isola di Capraia
  • Federico Pezzotta, geologo, Direttore del MUM – Museo mineralogico e gemmologico Luigi Celleri (Campo nell’Elba, LI);
  • Erica Romano, storica dell’arte, direttrice artistica del Museo Open Air Italo Bolano (Portoferraio, LI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

#KidsLab: i musei elbani a misura dei più piccoli

Le proposte delle strutture museali locali in occasione del mese dedicato all’archeologia

Giornate Europee dell’Archeologia, ecco le iniziative

Villa Romana e Museo del mare insieme per promuovere e festeggiare