Università del Tempo Libero, sette incontri previsti ad aprile

Gli incontri si terranno alla Gattaia a Portoferraio. Il programma fra storia e mass media

L’università del Tempo Libero elbana ha presentato il programma delle proprie iniziative, ben sette, previste nel prossimo mese di aprile.

Gli incontri si terranno alla Gattaia a Portoferraio alle 16.30, salvo visite guidate o altro di cui verrà indicato di volta in volta luogo ed orario.

4 giovedì 

“L’arsenale mediceo: dalle Galeazze alla Balena?”

con Beppe Battaglini

9 martedì 

“Antigone di Sofocle”

con Licia Baldi intervistata da Giampiero Palmieri 

11 giovedì 

Presentazione del libro 

“Avventure di viaggio di tre donne straordinarie/ Madame de Stael– Cristina Trivulzio di Belgioioso- Freya Stark” 

con l’autrice Maria Gisella Catuogno

16 martedì 

“Ingegneria genetica e clonazione”

con Isabella Zolfino

18 giovedì 

Nell’ambito della rassegna 

“STORIE DI DONNE”

Presentazione del libro

“Avventure di viaggio di tre donne straordinarie/ Madame de Staël, Cristina Trivulzio di Belgioioso e Freya Stark (Tra XIX e XX secolo)”

con l’autrice Gisella Catuogno

23 martedì 

“A difesa della natura, prevenzione e controllo del territorio dell’arcipelago toscano”

con i Carabinieri Forestali

30 martedì 

“Dalla prima radio libera alla tv via web: storia dei mass media all’Elba, dalla nascita di Radio Elba, all’evoluzione con Tele Elba ed infine la trasformazione, grazie alle nuove tecnologie, via web con ELBA Press” – Parte I

con Antonella Danesi, Silvia Leone e Paolo Chillé

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Giuseppe Pulvirenti pronto a correre per l’Ultramaratona

Nuova impresa insieme a Diversamente Sani per l’acquisto di un Caress Flow

Intelligenza artificiale: opportunità, sfide e orizzonti etici

Conferenza organizzata dal Lions Club Isola d’Elba venerdì 12 aprile alla De Laugier

2 aprile, giornata della consapevolezza sull’autismo

Il post di Marco Landi: "Oggi tutti possiamo compiere un passo verso le famiglie"