Le foto

Una “Megalitica domenica” alla scoperta della preistoria

L'evento il 17 marzo con anche momenti ludici. Il programma completo

Sui pianori della paradisiaca Costa del Sole, all’isola d’Elba, tra i cisti, i corbezzoli e le scope in fiore, si celano enigmatiche testimonianze di antiche popolazioni.

Oltre ai siti già noti come i Sassi Ritti e Pietra Murata, sono interessanti e meno battute le necropoli di Piane alla Sughera e della Forca, quest’ultima sconosciuta ai più perché totalmente immersa nella macchia.

Imboccando il sentiero 137 da Seccheto si arriva alla necropoli della Sughera (335 m), dove si possono visitare alcune tombe preistoriche a cista litica corredate da segnacoli (piccoli menhir) e tumuli delimitati da circoli di pietre.

I resti di questa enigmatico sito hanno ispirato leggende che narrano di un luogo sacro dove i megaliti, disposti in forme circolari e rettangolari, fungevano da sepolture e da templi per celebrare riti propiziatori con canti e danze.

Più su, avventurandosi per circa 250 mt dal sentiero 135, si trovano, non senza difficoltà, un’altra tomba e un bel menhir affacciato su Fetovaia. L’area è immersa nella vegetazione e segnalata su Google Maps come “Necropoli della Forca” (430 m).

Dai racconti del pastore Evangelista Barsaglini, scomparso nel 2016, le sepolture di quel pianoro sarebbero almeno tre.

Un trekking ad anello da Seccheto, organizzato per il 17 marzo (9,30/17) da Another Elba tours e dal Circolo Le Macinelle, che si fa custode da decenni della memoria storica dell’Elba occidentale, potrebbe essere l’occasione giusta per fare nuove scoperte.

L’opportunità è reale soprattutto per la presenza dell’esperto Paolo Nannini che ha un fiuto da non sottovalutare. Nannini, noto in rete come Opaxir, fotografo ed ex funzionario della Soprintendenza di Siena (https://www.flickr.com/photos/opaxir/), sarà lo special guest della giornata.

Non mancheranno momenti ludici e di relax tra canti e ritmi tribali.

IL PROGRAMMA:
Domenica 17 marzo ~ dalle 9,30 alle 17,30 ~ anello trekking di circa 10 km da Seccheto sui sentieri 137/135/108, alla scoperta delle testimonianze megalitiche di Piane alla Sughera (335 m) e della Forca (430 m). Visita dei caprili della Forca (525 m) e di Grotta Vallecchia. Alle 17 al bar di Seccheto Paolo Nannini incontrerà il pubblico di meno sportivi.
Il percorso non presenta particolari difficoltà, ma è in buona parte in salita, dal livello del mare fino a 525 m, è consigliato un pochino di allenamento, indispensabili scarpe da trekking. La prenotazione e obbligatoria al 346- 4904719 o anotherfirenze@gmail.com. Quota di iscrizione €10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Nuovo possibile nido di tartarughe marine a Pianosa

di Legambiente Arcipelago Toscano

Tartarughe marine protagoniste di un convegno all’Elba

Un'iniziativa di citizen science di grande successo per illustrare le novità dell’estate 2024

“Conoscere per difendere”, gita da Galenzana a Capo Poro

Domenica 25, una passeggiata con le guide di Legambiente per riscoprire il territorio