Porto Azzurro- l'aggiornamento

Incendio nella notte, tre persone al pronto soccorso

Nella palazzina che è stata evacuata ci abitavano 15 persone. Si indaga sulla cause

Incendio nella notte a Porto Azzurro in una palazzina di tre piani (con  otto appartamenti) ed  abitata da una quindicina di persone. Le fiamme sarebbero scaturite intorno alle 00.30 per cause ancora da accertare, non esclusa quella che il fuoco partito da una stufa a pellet.  Sul posto l’auto medica del 118 e una autoambulanza della Pubblica Assistenza di Porto Azzurro, oltre ai Vigili del fuoco del distaccamento di Portoferraio, ai Carabinieri e la Polizia. Sul luogo dell’incendio nella mattinata, anche il sindaco di Porto Azzurro, Maurizio Papi.   Tre delle persone che abitano nella palazzina, sono state trasportate all’ospedale di Portoferraio, in quanto avevano inalato del fumo. Uno dei tre, un uomo, aveva cercato rifugio sul tetto ed è stato tratto in salvo  dai pompieri che si sono occupati anche  del cane che era rimasto nell’appartamento. Le altre due persone, due donne sono state portato all’ospedale per precauzione ma sono già state dimesse nella mattinata di oggi.   Nessuna conseguenza fisica per gli altri occupanti dello stabile che sono stati ospitati da famiglie o conoscenti.  La palazzina è stata evacuata e resta inagibile. I tecnici di Casalp. proprietaria di 6 appartamenti della palazzina, sono in arrivo sull’Elba per i rilievi e le verifiche. Continuano le indagini dei Vigili del Fuoco delle forze dell’ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Incidente stradale nella notte, in moto contro un muro

Due i feriti, un uomo di 47 anni e una donna di 39, al Pronto Soccorso in codice giallo

Ubriaco si schianta contro un ambulanza in pieno centro

Denunciato dai carabinieri, tasso alcolico 4 volte superiore. Il mezzo era parcheggiato

Restituito alla città il Forte Stella, importante restauro

I nuovi spazi sono inseriti nel percorso di visita delle Fortezze Medicee. Gli interventi