Le tradizioni dell’isola d’Elba sono arrivate sul web

Sito e social media per "Cittadini Custodi della Cultura Contadina Elbana,"

Il progetto “Cittadini Custodi della Cultura Contadina Elbana,” è arrivato sul web  con il sito cittadinicustodielba.it e su Facebook ed Instagram con le pagine Cittadini Custodi Elba.

Lo scopo è presentare ai visitatori gli obiettivi del progetto, le azioni degli oltre 40 partner e sostenitori nei loro settori di appartenenza, e le opportunità di occupazione, specialmente per i giovani, nel settore agricolo, enogastronomico, turistico ed alimentare mantenendo il focus sulle radici della comunità elbana.

Un’ampia parte del sito è dedicata alla raccolta di testimonianze per preservare gli antichi saperi di un tempo che sta scomparendo; assieme alla campagna sui social media si intende coinvolgere attivamente la community, permettendo ai visitatori di scoprire contenuti inediti, contribuire con testimonianze personali e far parte dei Cittadini Custodi.

Ai partner ed i sostenitori del progetto sono dedicate schede specifiche con informazioni dettagliate sulle loro attività in modo da promuoverne l’impegno a tutela dell’identità culturale dell’Isola d’Elba. Seguendo il progetto sul web sarà possibile rimanere aggiornati in tempo reale, proporre idee, condividere testimonianze e contribuire a ricostruire la storia delle radici contadine elbane con foto e documenti che sono patrimonio inestimabile della comunità

 

Sito web: cittadinicustodielba.it

Facebook: Cittadini Custodi Elba

Instagram:cittadinicustodi_elba

 

Per ulteriori informazioni contattare:

fondazioneisoladelba@gmail.com

Patrizia Lupi +39 339 697 4753

2 risposte a “Le tradizioni dell’isola d’Elba sono arrivate sul web

  1. Massimo Zaccagnini Rispondi

    E la solita minestra ,siete dei prestigiatori ,ogni tanto tirate fuori il coniglio dal cappello,sembrate i custodi del sacro Graal,il parco minerario ,gli antichi sapori dell’ Elba,poi chi li gestisce si rifornisce alla Conad, la sagra del cinghiale e così via. Tutto fumo e niente arrosto,fruttato quattro soldi che escono dalle tasche dei turisti sprovveduti,che in estate ,dato che fa caldo,sono anche contenti di essere spogliati………dei loro beni. Non lo sapete nemmeno voi che politica volete adottare per attirare visitatori, favorevole alle moltitudini ma con prezzi da vip! Come diceva Gino'” l è tutto da rifare”‘

    29 Dicembre 2023 alle 19:21

  2. Antonella Rispondi

    Scopo finale?Sempre i soldi.Meglio custodire tutto e lasciare la sorores ai visitatori.

    29 Dicembre 2023 alle 13:48

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Cerboni e Parco accordo per attività dentro il perimetro

Un progetto di educazione ambientale con la scuola. Obiettivo apprendimento per tutti

Giornata dell’epilessia, Campo nell’Elba illumina la torre

Si colora di viola il significativo monumento del porto per la ricorrenza del 12 febbraio

Asta di vini pregiati a sostegno della ricerca sul Parkinson

Si è tenuta martedì 5 dicembre a Milano, fra i promotori l'elbano Roberto Marchetti