/ MARCIANA

Un progetto del Parco Nazionale per il Fosso di Pomonte

Presentato in un incontro con la cittadinanza e il comune , pronti 900mila euro

Ai blocchi di partenza la progettazione per riqualificare il fosso di Pomonte. Di questo si è discusso nel pomeriggio di mercoledì scorso, 20 dicembre, durante l’incontro con la cittadinanza organizzato nell’omonima frazione alla presenza degli Amministratori del Comune e del Parco, nonché dei tecnici impegnati in questa nuova iniziativa. Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano ed il Comune di Marciana hanno confermato l’ennesima forte collaborazione finalizzata alla riqualificazione del territorio e, nel caso specifico, hanno illustrato gli interventi che verranno realizzati con i finanziamenti del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, dedicati a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, che l’Ente Parco è stato in grado di intercettare attraverso un bando destinato ai Parchi Nazionali. Dopo gli interventi dedicati al recupero dei castagneti marcianesi, questa nuova progettualità – per un importo complessivo lordo pari a 921.100 € – ha come obiettivo il ripristino della funzionalità ecologica di un tratto del fosso di Pomonte posto nelle vicinanze dell’abitato, allo scopo di ridurre il rischio idraulico del bacino idrografico, particolarmente vulnerabile. Sulla base delle linee tecniche impostate e illustrate dal progettista Maurizio Bacci, la sistemazione dell’alveo avverrà utilizzando tecniche di ingegneria naturalistica, a minor impatto paesaggistico e ambientale, utili a favorire il riequilibro idrogeologico e a creare una maggiore variabilità morfologica, a sostegno della rinaturalizzazione del corso d’acqua.

Oltre a questi interventi più strutturali, una parte delle attività riguarderà il contrasto alla crescita e alla diffusione del canneto, denso ed esteso sull’intero tratto terminale del fosso. Le canne, una specie aliena invasiva (Arundo donax), contribuiscono in modo sostanziale all’aumento del rischio idraulico per l’enorme massa di detriti vegetali secchi che possono ostruire gravemente il regolare deflusso delle acque nei picchi di piena. Inoltre, questa specie infestante impedisce la crescita della vegetazione ripariale nativa, i popolamenti ad ontano nero, albero capace di rispondere al meglio ai requisiti di adattabilità, resistenza e resilienza al contesto climatico.

Oltre a contribuire positivamente in termini di miglioramento delle condizioni idrauliche del fosso, si stima che con il tempo si potrà registrare il miglioramento strutturale e funzionale di questo ecosistema, con un aumento della capacità di immagazzinare CO2, altro principale obiettivo della strategia globale sui cambiamenti climatici.

Nel corso dell’incontro con la popolazione sono state fornite informazioni non solo sugli obiettivi dell’iniziativa, ma anche relativamente alle tempistiche della fase progettuale (appena avviata) e della fase esecutiva, nonché alle modalità operative che verranno adottate, per le quali è stata richiesta una fattiva collaborazione da parte dei frontisti.

Molto positiva la risposta delle persone che hanno partecipato alla presentazione e che hanno fornito preziosi suggerimenti, molto utili ai progettisti per mettere a punto gli interventi puntuali sopra elencati.

Soddisfatti il Sindaco Simone Barbi e la Vicesindaca Susanna Berti, che hanno apprezzato il lavoro svolto dal Direttore e dai tecnici dell’Ente Parco, e il Presidente del Parco Giampiero Sammuri che, dopo aver ringraziato per i contributi emersi nel corso della riunione, ha dato appuntamento agli abitanti di Pomonte per ulteriori importanti iniziative che, nel corso del 2024, interesseranno questa porzione del territorio, compreso nel perimetro del Parco Nazionale, alle falde del Monte Capanne.

 foto Michele Giunti

Una risposta a “Un progetto del Parco Nazionale per il Fosso di Pomonte

  1. Lorenzi Ildo Rispondi

    Buonasera, ben vengano queste iniziative sicuramente utili importanti ai fini idrogeologici, na ritengo, come ho già fatto notare con mia mail al Sig. Sindaco, che ci sono altre priorità per la salvaguardia del territorio. Basta pensare a quanto causato dalle ultime mareggiate che hanno messo a rischio le strutture delle case che si affacciano sulla spiaggia. Come già detto, dovremmo partare sulle spiagge, scagli e massi di granito, proprio in questa stagione per far si che il.mare li lavori e li renda accessibili alle persone, nei periodi estivi. Comunque ringrazio sia il Sig. Sindaco e tutta la giunta, che ultimamente si stanno prodigando ed interessando ai problemi del nostro Pomonte.

    22 Dicembre 2023 alle 16:01

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

23 Febbraio, la Grande Traversata Elbana e altri cammini

A Marciana Work Shop su futuro e organizzazione del turismo lento all’Isola d’Elba

Abusivismo edilizio all’Elba, anche dentro l’area protetta

Legambiente si complimenta per la scalinata abusiva sugli scogli scoperta all'Enfola

Parco nazionale, nasce il Festival “La Natura al Centro”

Eventi e conferenze nelle isole di Elba, Capraia e Giglio. Il programma degli incontri