Cambiamenti climatici spingono più a nord le tartarughe

In Toscana ultimo nido aperto a metà ottobre. Nove nidi nell'Arcipelago Toscano

L’estate 2023 è stata da record per i nidi di tartarughe marine Caretta caretta, e le conseguenze  si fanno sentire anche ad autunno inoltrato. Complice il cambiamento climatico e il riscaldamento globale, infatti, lo scorso ottobre Arpa Toscana e Arpa Liguria hanno partecipato all’apertura di tre nidi di tartarughe, uno a Marina di Massa (spiaggia Poveromo a Montignoso) e due alle Dune di Forte dei Marmi, e all’interno del nido di Marina di Massa state trovate 11 tartarughine vive.

La notizia è stata diffusa soltanto nei giorni scorsi dagli operatori coinvolti, che hanno voluto puntare i riflettori su come l’areale delle tartarughe si stia estendendo più a nord alla luce del riscaldamento delle acque. Sulla base dell’esperienza della vicina Toscana, dunque, lo scorso 17 ottobre si è trasformato in un’occasione per portare avanti una giornata di formazione e addestramento sulle buone pratiche nella gestione degli eventi di nidificazione fra gli operatori di Arpa Toscana, Università di Pisa, Arpa Liguria e Acquario di Genova.

In Toscana nel corso dell’estate sono stati registrati 24 nidi, 9 sulle isole dell’Arcipelago (Elba e Giglio), 8 sulla costa litoranea tra Pisa, Livorno, Piombino e Grosseto e 7 sulla costa apuo-versiliese, molto più a nord del solito. Dati che hanno confermato l’importanza di approfondire e studiare il fenomeno anche in relazione al cambiamento climatico, appunto, e all’aumento della temperatura del mare che, di fatto, sta spostando le nidificazioni in zone settentrionali del Mediterraneo, Toscana e Liguria comprese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il workshop sul futuro della Grande Traversata Elbana

Legambiente: Un consorzio e un sistema per la governance del turismo lento all’Elba

Lacona, confermato, l’area di sosta per camper non si farà

Il Consiglio di Stato dà ragione al Parco. La zona sarà destinata al parco giochi