Bullismo, diffidato dai Carabinieri minorenne elbano

Il ragazzo aveva compiuto atti oltraggiosi e danneggiamenti. E' il primo caso all'Elba

Una notizia importante, quella che arriva dalla Compagnia Carabinieri di Portoferraio. Per la prima volta dall’approvazione del cosiddetto Decreto Caivano, ad un minorenne (nel caso specifico un ragazzo di 16 anni) viene  applicato un provvedimento che lo accompagnerà fino al compimento della maggiore età, un “avvertimento formale a cambiare condotta”. Il fenomeno da contrastare è quello del bullismo, purtroppo sempre più diffuso anche in un’oasi felice come l’isola d’Elba. Ecco di seguito il comunicato emesso oggi dai Carabinieri elbani.

 

Continua in modo costante e determinato l’attività dei Carabinieri della Compagnia di Portoferraio, in aderenza con le disposizioni del Comando Provinciale di Livorno e nell’ambito delle linee strategiche della Prefettura, tesa a contrastare la commissione dei reati in genere e con anche particolare attenzione investigativa verso i sempre più frequenti casi di condotte perseguibili commesse da persone molto giovani.

In particolare i carabinieri elbani hanno eseguito la prima applicazione del “Decreto Caivano” all’Isola d’Elba firmato dal Questore di Livorno e notificato dai Carabinieri della Compagnia di Portoferraio che ne avevano avanzato la proposta alla Divisione Anticrimine della Questura labronica.  Questa, condividendone le motivazioni, ha emesso la misura di prevenzione dell’Avviso orale nei confronti di un minorenne elbano, al quale sono stati gli stessi militari dell’Arma a notificarla, alla presenza del genitore.

Si è ritenuto infatti che la condotta del giovane, già con alcuni precedenti, e le sue frequentazioni con altri giovani pregiudicati siano indicativi di una sua pericolosità sociale.

Nella fattispecie, si tratta di accertati atteggiamenti oltraggiosi e di danneggiamento risalenti alla metà di ottobre scorso, per i quali i militari avevano avviato delle indagini.

Il provvedimento in questione consiste nell’avvertimento formale a cambiare immediatamente condotta, tenendo un comportamento conforme alla legge, diversamente, potrebbe darsi corso alla proposta di applicazione di una più grave misura di prevenzione.

Inoltre, il provvedimento è volto a prevenire l’ulteriore commissione di delitti da parte dei destinatari che, in caso di recidiva, riscuoterebbero un provvedimento maggiormente afflittivo sul piano della libertà personale.

Il provvedimento emesso costituisce l’applicazione, per la prima volta sull’Isola D’Elba, nonché   comunque una delle prime applicazioni nella provincia labronica, della norma prevista dal Decreto Legge n. 123/2023 cd. “Decreto Caivano”, entrato in vigore lo scorso 16 settembre, con la finalità di fronteggiare il fenomeno del bullismo minorile, e che ha disciplinato ulteriormente la materia delle misure di prevenzione personali, estendendone l’applicazione anche a soggetti minori di anni 18 ma che abbiamo compiuto il quattordicesimo anno di età e ai quali è attribuibile una “pericolosità sociale concreta ed attuale”. L’efficacia della misura permarrà sino alla data di raggiungimento della maggiore età.

Una risposta a “Bullismo, diffidato dai Carabinieri minorenne elbano

  1. Angelo bertinazzi Rispondi

    Ma però bisogna farle rispettarle leggi, non che ci siano sempre attenuanti a favore. Poi serve già dall’asilo il rispetto e l’educazione altrimenti non si ottiene niente. I genitori devono assere consapevoli di questo, è da molti anni che sbagliamo ed ora paghiamo le conseguenze e siamo in ritardo, le istituzioni debbono essere consapevoli. Siamo in ritardo ma dobbiamo agire pesantemente altrimenti paghiamo consapevoli conseguenze, l’Italia sta facendo delle pessime figure con altri paesi.

    9 Dicembre 2023 alle 15:32

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il caso dei pazienti oncologici, sono arrivate le scuse

Si sarebbe trattato di un malinteso, al quale è seguito un chiarimento. La storia

Violenza a Capodanno, la difesa: “No al processo mediatico”

Lettera aperta delle due avvocate dell'accusato: "Si ignora la presunzione di innocenza"

“La nuova Ordinanza dell’ADSP penalizza tutti gli elbani”

L'interpellanza dei consiglieri Meloni e Cetica contro il nuovo regolamento del porto