Il degrado di Portoferraio non rende giustizia alla sua storia

Lettera firmata

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Vengo a Portoferraio da oltre 30 anni e amo questa cittadina e quest’isola. Purtroppo quest’anno devo constatare amaramente che il suo costante degrado, iniziato alcuni anni fa, ha raggiunto un livello che non rende giustizia alla storia, al patrimonio artistico e alla dignità di quei (molti) portoferraiesi che tengono alla loro città e ne sono orgogliosi.

Sacchi di immondizia ovunque; rifiuti sparsi per le strade dai gabbiani; puzzo di fogna da tutti i tombini; scalinate storiche invase dalle erbacce e popolate da scarafaggi; edifici abbandonati come il bel mercato coperto a cui l’amministrazione non si  è preoccupata neppure di togliere l’insegna malconcia SUPERMERCATO o il palazzo Coppedè, diventato una discarica pericolante; luoghi magnifici come il Grigolo, una volta punti di ritrovo per aperitivi, pranzi o cene, oggi tristemente vuoto e dimenticato, negozi chiusi e saracinesche abbassate, molti locali di scarsissima qualità,……

Questo è solo un piccolo elenco delle brutte cose che ormai si associano a Portoferraio e che allontanano visitatori e turisti, indignano, irritano e offendono gli abitanti stanziali della città.
Peccato che questo piccolo scrigno di storia e arte, biglietto d’ingresso all’isola, sia ridotto così, lo dico non solo come amante di questo meraviglioso posto ma anche come italiana che tiene con orgoglio al prestigio, alla dignità e all’immagine del nostro meraviglioso paese.

Mi auguro quindi che chi ha potere di farlo possa porre rimedio a questo scempio.

5 risposte a “Il degrado di Portoferraio non rende giustizia alla sua storia

  1. Lorenza Moia Rispondi

    Da più di 30 anni ,ogni anno, d’estate torno all’isola d’Elba e ancora non ne sono sazia perché ogni volta scopro percorsi nuovi , paesaggi incantevoli, scorci mai visti prima, Ogni volta mi porto
    via sensazioni e ricordi, che mi spingono a tornare.
    Portoferraio è, a mio avviso il luogo più interessante, l’ unico rimasto autentico, in una desolante rincorsa a trasformare l’isola e la sua strepitosa bellezza in un vacanzificio a misura di turista consumatore. Ho percorso Portoferraio in ogni angolo, mi sono innamorata delle sue scalee degli odori intensi, a volte aspri, dei colori, della sua umanità, che trabocca da ogni casa , da ogni via di questo borgo marinaro, unico per la sua storia , fortemente identitaria. Non vedo questa bellezza negli altri paesi dell’isola, tutti curati, è vero, ma quanto cambiati, quanto offerti spudoratamente al consumo turistico. Portoferraio ha bisogno di cure, di un’amministrazione più che attenta, appassionata, perr conservare e tramandare la verità di un luogo che non ha uguali, per storia, arte e natura. Uno splendore appannato che chiede di essere riportato alla luce come merita .

    12 Agosto 2023 alle 9:00

  2. Renzo Rispondi

    Lasciare commenti su come sia ridotta Portoferraio e specialmente il Centro Storico, come dicono in tanti, è come bombardare un ospedale con le rovine a portata di mano. Se il Sindaco passeggiasse almeno una volta tra via del Carmine, via Bisdomini, via della Fonderia, il Grigolo e altre vie forse si renderebbe conto del fallimento della sua amministrazione, altro che Museo del Mare nel Centro Storico nel vecchio mercato coperto, lasciato da anni in disuso a dare l’immagine di una città in forte degrado, “sgaruppata”. Nonostante le continue segnalazioni dei cittadini nulla è cambiato.

    11 Agosto 2023 alle 19:32

  3. Giovanna Tarantini Rispondi

    La signora Alessandra ha ragione, sono stata a Portoferraio (vengo da 20 anni)e quest’anno sono rimasta basita dal degrado in cui l’amministrazione ha lasciato questa bellissima cittadina. I miei amici vanno solo a Porto Azzurro perché è molto più curata, c’è parcheggio, è viva. Bisognerebbe che qualcuno capisse che quest’isola vive di turismo, e Portoferraio non è da meno. Quindi amici elbani, chiedete al vostro sindaco perché non si prende cura della città che rappresenta?

    11 Agosto 2023 alle 18:20

  4. Mario Carlo baccaglini Rispondi

    Oggi torno a Portoferraio sono le 17.30
    Di venerdì 11 agosto sul traghetto toremar ci sono 14 auto…… evidentemente qualcosa non funziona.
    L anno scorso no si riusciva ad arrivare al porto!!!!
    Chi semina poi RACCOGLIE
    Mario Carlo baccaglini

    11 Agosto 2023 alle 17:37

  5. Mario Carlo baccaglini Rispondi

    Buona sera io vengo da 50 anni
    All Elba e confermo che Portoferraio , x le sue peculiarità è il più bel posto dell Elba ,dovrebbe essere tenuto in maniera decorosa .Invece è
    Sempre peggio basta andare a porto azzurro x capire come fare , bella pulita con negozi attrattivi o come MARCIANA o Marina di campo. Portoferraio è il posto dove arrivano la maggior parte dei turisti, ed è dir poco sporca tenuta malissimo con edifici fatiscenti .Da oltre 50 anni non si è fatto nulla ed oggi si continua ad operare su questa strada anzi negli ultimi anni si è nettamente peggiorato .I commenti dei turisti sono deprimenti , e sono questi che tornando a casa faranno una PESSIMA pubblicità con gravissimi danni x L isola.
    Spero che ci si renda conto che è una strada che porta L isola ad essere abbandonata dal turismo con grave danno x TUTTI.
    Mario Carlo baccaglini

    11 Agosto 2023 alle 17:34

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Porto Azzurro, la Polizia Penitenziaria non viene pagata

di UILPA - Segreteria Provinciale Livorno

Divelta la sbarra nel Demanio minerario di Rio

La denuncia di Legambiente Arcipelago Toscano: no ai mezzi motorizzati in aree delicate