Cna: “Aeroporto, non un fatto privato del comune di Campo”

Serini: "Si stanno rischiano atti che possono compromettere il futuro dell'Isola"

Maurizio Serini Presidente Territoriale di CNA

“L’aeroporto della Pila non è un fatto privato del comune di Marina di Campo e come tale va trattato”: è quanto afferma il presidente Maurizio Serini. “Osservare un territorio insulare, che discute sul mantenimento o no di una infrastruttura fondamentale come l’aeroporto – aggiunge – è veramente deprimente, in modo particolare quando a farlo, e lo fa ormai da anni, è una parte istituzionale che invece dovrebbe garantire una visione “alta” degli aspetti comprensoriali, andando per di più contro atti già fatti (vedi UTOE 4 aeroporto del piano strutturale) e per ultimo nascondendosi dietro ad un referendum a dir poco sostanzialmente illegittimo, rendendosi così responsabile di un sempre più probabile danno irreversibile per il territorio. L’infrastruttura aeroportuale non è infatti del Comune di Marina di Campo pur essendo fisicamente sul suo territorio, ma ha valenza comprensoriale esattamente come i porti, la viabilità e qualunque altra infrastruttura che consente la mobilità delle persone e delle merci, che garantiscono una parte importante dei diritti fondamentali di ognuno di noi e posano le basi per ogni investimento o sviluppo socio economico di un territorio.
Altrettanto grave – sottolinea Serini – è che si ponga come quesito del referendum il sì o no all’allungamento della pista, quando l’amministrazione di Campo e il suo Sindaco sanno bene che tale intervento è propedeutico al mantenimento operativo della Società che gestisce l’aeroporto, garantendo i requisiti ottenuti negli anni fino ad oggi e proiettando la stessa verso una migliore sostenibilità, perciò la vera domanda è sì o no all’aeroporto.
Dobbiamo intanto prendere atto che l’ennesimo temporeggiare sulle decisioni inerenti all’aeroporto, ha fatto venire meno la possibilità del rinnovo alla continuità territoriale aerea per l’anno 2024 che è in scadenza il 31 ottobre 2023, mettendo oltremodo in difficoltà i soci pubblici e privati che sono tenuti ad organizzare l’assemblea della società non sapendo ancora se prorogare la scadenza di Alatoscana prevista per il 31 dicembre 2023.
Come Associazione di categoria – conclude il presidente provinciale – non riusciamo a capire tanta cecità su temi fondamentali, sperando che non sia invece un’incosciente volontà di mettere in difficoltà un’intera isola, la sua popolazione e la sua economia; in entrambi i casi siamo pronti come sempre ad essere di stimolo e aiuto concreto alle risoluzioni dei problemi inerenti allo sviluppo dell’Isola d’Elba e le sue infrastrutture”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

“Referendum un fallimento, adesso sindaci compatti”

Per Alessandro Gentini (albergatori) l'amministrazione doveva sostenere l'aeroporto

L’elbano Nicola Spinetti campione regionale di surf casting

Con la vittoria di Tirrenia Spinetti si è quaificato direttamente per i campionati italiani

Aeroporto, dopo il referendum si torna al punto di partenza

Palla al sindaco Montauti. Le dichiarazioni di Cludio Boccardo Ad di Alatoscana