“Schiavi forzati della galera nella città di Portoferraio”

di Marcello Camici

E’ in libreria il saggio storico” SCHIAVI E FORZATI ALLA CATENA DELLA GALERA NELLA STORIA DELLA CITTA’ DI PORTOFERRAIO”.Autore Marcello Camici. Editore Youcanprint.
E’ pronto alla lettura in formato elettronico (Epub libro. ) presso la libreria dell’editore https://www.youcanprint.it/schiavi-e-forzati-alla-catena-della-galera-nella-storia-della-citta-di-portoferraio/b/9dea6f98-afe2-5dd6-aae5-36a0dfb88977 e le più importanti librerie della rete internet.(Mondadori,IBS,Feltrinelli,Libreria universitaria ecc )
Coloro che sono stati condannati e forzati alla voga sopra una galera ,legati ad una catena, hanno scritto pagine importanti della storia della città di Portoferraio sin dalla sua fondazione avvenuta nel secolo sedicesimo per poi continuare fino al secolo diciannovesimo.
La storia di Portoferraio è indissolubilmente legata a queste persone condannate: i forzati al remo della galera legati alla catena.
Di essi poco parlano i libri di storia.
Rimangono solo documenti di archivio e alcuni, pochi testi .
La loro presenza è documentata in Portoferraio fin dall’aprile del 1548 e si protrarrà sino alla fine dell’ottocento quando venne definitivamente chiuso il bagno penale della Linguella in Portoferraio e gli ergastolani trasferiti nel nuovo ergastolo di Portolongone.
I galeotti, una massa di individui “senza storia” e” senza nome”, scomparsi dalla memoria collettiva,il cui lavoro però contraddistinse l’intera epopea marittima del Mediterraneo,in quanto forza motrice al remo di una galera nelle varie flotte degli stati europei e in quanto manodopera usata per lavori di edilizia pubblica.
I galeotti,persone condannate per un reato e poste alla catena della galera per l’espiazione di tale reato,insieme con gli schiavi,persone di religione musulmana catturate nella guerra di corsa e forzate pur esse alla catena della galera , vissuti in Portoferraio,diventano personaggi che narrano la storia di questa città attraverso documenti di archivio,alcuni inediti ,tesi di laurea,immagini di disegni e dipinti.
Sono loro scòpo e oggetto di attenzione del presente saggio storico.
Le figure, corredano, con loro didascalia ogni capitolo al termine.
I capitoli del saggio sono nove:
1548 .I FORZATI ALLA VOGA DELLA GALERA E LORO CONTRIBUTO ALLA FONDAZIONE DI COSMOPOLI
1556 . CONDANNATI E FORZATI CONTRIBUISCONO A POPOLARE COSMOPOLI
1553-1574 .I FORZATI SONO USATI COME MANODOPERA A COSMOPOLI
1600. I FORZATI AL LAVORO NELL’ARSENALE DELLE GALEAZZE DI PORTOFERRAIO
1700.FORZATI ALLA CATENA LAVORANO AL FOSSO DEL PONTICELLO A PORTOFERRAIO
1700 .I FORZATI E IL BAGNO PENALE DELLA LINGUELLA DI PORTOFERRAIO NEL DICIOTTESIMO SECOLO.
1800.I FORZATI USATI NELLA PULIZIA DELLE STRADE DI PORTOFERRAIO .NASCITA DI UNA CONTROVERSIA CITTADINA NEL SECOLO DECIMO NONO.
1800. LAVORI PUBBLICI ESPLETATI IN PORTOFERRAIO DAI FORZATI ALLA CATENA
19 SETTEMBRE 1859 .I FORZATI CONDANNATI A VITA DAL BAGNO PENALE DI PORTOFERRAIO SONO TRASFERITI A PORTOLONGONE .NASCITA DEL PRIMO NUCLEO DELL’ERGASTOLO NELLA FORTEZZA DI SAN GIACOMO

Titolo:Schiavi e forzati
Editore:Youcanprint 2023
Autore:Marcello Camici
ISBN: 9791221469615
Pagine:58
Costo: euro 2,99

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

I non rappresentati – Esclusi, arrabbiati, disillusi, il libro

La presentazione con l'autrice venerdì 24 maggio alla libreria Giunti di Portoferraio

Libri in Piazza, si presenta la Grande Traversata Elbana

Mercoledì 15 maggio, alle ore 18:30, la guida di Michele Cervellino e Francesco Stea