Capo Poro tutelato, Legambiente ringrazia Comune di Campo

"E' il primo passo per farla finita con gli abusi che hanno caratterizzato quell'area"

Legambiente Arcipelago Toscano si complimenta col Comune di Campo nell’Elba per aver promosso l’iniziativa che ha portato il Segretariato Regionale per la Toscana del Ministero della Cultura a dichiarare l’Ex batteria di Capo Poro bene di interesse culturale e quindi area sottoposta a tutte le disposizioni di tutela previste dall’articolo 10, comma 1 della legge n.42 del 2004.

«E’ il primo passo per farla finita con gli abusi che hanno caratterizzato quell’area (che fa parte della Zona B del Parco Nazionale e di una Zona speciale di conservazione dell’Ue) da troppi anni – dice Maria Frangioni, presidente di Legambiente Arcipelago Toscano – E’ anche un successo per la nostra testarda battaglia e le continue denunce e segnalazioni contro la prepotenza neocolonialista di chi crede di poter fare quello che vuole della bellezza e della storia della nostra isola».

Ha ragione il Sindaco di Campo nell’Elba Davide Montauti: permettere – come Legambiente aveva denunciato fin dall’inizio – che quel bene passasse di mano tra privati senza che alle istituzioni fosse dato modo di esercitare il diritto di prelazione è stato un imperdonabile errore e Legambiente appoggerà ogni iniziativa che faccia in modo che l’area torni ad essere quello che era e che è: un bene comune, un patrimonio pubblico e culturale dal quale gli interessi dei prepotenti e degli abusivi devono essere tenuti lontani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

La GTE diventa un “cammino”, il comune di Rio capofila

La proposta riguarda la richiesta alla Regione Toscana per il riconoscimento ufficiale

Partiti i lavori di manutenzione dal centro alla periferia

Verde pubblico, cartellonistica ma anche nuovo sistema di pulizie delle vie

Per la Grande Traversata Elbana un cammino condiviso

Dai workshop organizzati da Legambiente e Parco Nazionale un percorso unitario