Vicini a chi ha bisogno: solidarietà dal Consiglio Comunale

La proposta della minoranza: le indennità di sindaco e consiglieri a favore dei bisognosi

Marciana Marina, il borgo del Cotone

Dai consiglieri di minoranza di Marciana Marina  Flavio Mazzei, Francesco Lupi e Alberto Citti riceviamo e pubblichiamo: 

Si fanno già sentire gli effetti della galoppante inflazione che stiamo vivendo da qualche mese a questa parte.

Secondo l’ISTAT, indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività ha raggiunto livelli che non si vedevano da quasi 40 anni. Purtroppo il carovita si fa sentire non solo per le tariffe delle utenze domestiche ma anche e soprattutto per i beni alimentari. Un Natale sicuramente più povero, per tutti.

La tendenza, allarmante, è in crescita in tutta Italia e il rischio che anche qualche famiglia del nostro Paese si avvicini alla soglia di povertà è concreto. Nonostante noi si creda fortemente che l’Amministrazione Comunale abbia sbagliato a rinunciare alle decorazioni e alle luminarie del centro storico e del lungomare di Marciana Marina, poiché fino a prova contraria siamo una località turistica anche sotto il Natale e abbiamo ii dovere di rendere accogliente il Paese per le centinaia di abituali ospiti non residenti, concordiamo sul grado di attenzione riposto alla crisi in atto e pertanto ci sentiamo in dovere di proporre iniziative concrete volte alla solidarietà.

Purtroppo la nostra mozione del 14 ottobre scorso è stata rispedita al mittente. Avevamo proposto di venire incontro alle famiglie e alcune attività, strette nella morsa del carovita, utilizzando parte del cospicuo avanzo di amministrazione libero. La nostra proposta è stata figlia di un approfondimento delle norme, dalle quali è emerso che è senz’altro possibile prevedere questo nobile utilizzo dei fondi cittadini. Tuttavia, durante la discussione in Consiglio avvenuta lo scorso 24 novembre, la maggioranza ha invece motivato il voto contrario dichiarando che quelle risorse non possono essere destinate a tale scopo. Almeno abbiamo strappato la promessa di inserimento, nel bilancio dell’anno venturo, di un importo non quantificato per aiutare le famiglie in difficoltà.

Da una panoramica del nostro territorio, è noto che fino a qualche anno fa lavorare cinque/sei mesi durante la bella stagione poteva essere sufficiente per una famiglia a mantenersi con dignità. La disoccupazione invernale, dilagante sull’Isola, è un problema annoso e di difficile soluzione: l’inflazione sta certamente acutizzando molte situazioni delicate. Per alcune persone è complesso trovare più di quattro mesi di contratto di lavoro, specie a Marciana Marina. Per di più, la scure sul Reddito di Cittadinanza annunciata dal nuovo Governo, nonostante noi si creda che il sussidio debba essere modificato e migliorato— data la scoperta di alcune frodi in varie parti d’Italia— ha creato malessere e incertezza verso il futuro in qualche compaesano.

Con questa mozione intendiamo presentare una nuova iniziativa. Come consiglieri di minoranza abbiamo deciso di rinunciare a qualsiasi indennità prevista per le funzioni amministrative a partire dal gettone di presenza. Pertanto invitiamo anche i colleghi del Consiglio Comunale, compresi assessori e sindaco, a stringersi con noi in un gesto simbolico e dallo spirito natalizio, al fine unico di costituire un fondo di solidarietà per coloro che in previsione oltrepasseranno quella soglia e non riusciranno a fronteggiare la stangata del caro bollette. Un modo per stare vicini a chi, per un motivo o per l’altro, si trova o sì troverà in una situazione svantaggiata.

 

Flavio Mazzei, Francesco Lupi e Alberto Citti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Digitalizzazione, finanziamenti per oltre 200.000 euro

Sono fondi del PNRR. Il Sindaco Allori “Grazie al lavoro degli uffici, potenziamo i servizi”

La “Tore” sta per diventare di proprietà del comune

L'amministrazione: "Entro gennaio lavori di ristrutturazione, diventerà un museo"

Vela, torna la “regata palindroma” intorno all’isola d’Elba

Giro dell'isola, ogni armatore deciderà se effettuarlo in un senso o nell'altro. Le regole