Riparte l’Attività Fisica Adattata nel territorio Asl

Per l'anno 2022-2023 è possibile accedere ai corsi a bassa e ad alta disabilità

Lasciandosi alle spalle gli anni di interruzione per la pandemia da Covid 19, dal 25 ottobre è ripartita l’Attività fisica adattata (AFA) in tutto il territorio coperto dall’Azienda USL Toscana nord ovest per l’annualità 2022-23.

Attualmente è possibile accedere ai corsi Afa a bassa disabilità, che si rivolgono a persone con patologie cui il movimento apporto beneficio (come artrosi o osteoporosi) e ad alta disabilità, che si rivolgono a persone con limitazioni funzionali dovute a patologie invalidanti stabilizzate (come gli ictus, o il Parkinson).

Per iscriversi ai corsi Afa a bassa disabilità non è necessaria alcuna prescrizione o certificazione medica, anche se, prima di accedere, è importante consultare il proprio medico curante o il proprio medico specialista (ortopedico, reumatologo, fisiatra, neurologo, geriatra, fisioterapista). Con la scheda di invio compilata (disponibile a questo link), si deve contattare una delle palestre o piscine dove si intende svolgere il corso (l’elenco completo è disponibile sul sito dell’Azienda USL Toscana nord ovest al seguente link). Nelle dieci zone distretto della Asl continuano ad essere aperte le candidature di palestre e associazioni interessate a realizzare i corsi. L’accesso ai corsi Afa ad alta intensità è invece destinato a pazienti individuati dai medici e dai professionisti sanitari delle strutture di riabilitazione funzionale del Dipartimento di Riabilitazione.

L’Attività fisica adattata è una attività fisica non sanitaria, svolta in gruppo e in luoghi adeguati. È noto che il movimento è in grado di garantire effetti positivi in termini di benessere psicofisico a tutte le età, migliorando il tono della muscolatura, lo stato delle articolazioni e la resistenza alla fatica. L’attività fisica svolta in gruppo, inoltre, contribuisce alla socializzazione e alla qualità di vita delle persone che la praticano. Effetti positivi si riscontrano in soggetti con ridotta capacità motoria dovuta a sedentarietà e ad artrosi o a seguito di interventi ortopedici e patologie reumatiche. Evidenze scientifiche ne dimostrano l’efficacia nella prevenzione dell’osteoporosi e nella terapia di patologie, quali l’ipertensione arteriosa, il diabete e le cardiopatie. L’Afa è adatta anche per persone con ridotta autonomia motoria a causa di malattie tipo ictus e Parkinson, purché in fase stabilizzata. I corsi sono condotti da istruttori laureati in scienze motorie o in fisioterapia.

Per saperne di più:https://www.uslnordovest.toscana.it/come-fare-per/9365-come-accedere-ai-corsi-afa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Un nuovo direttore per la struttura complessa di psichiatria

Il dottor Giorgio Corretti dirigerà per cinque anni Cecina, Piombino e isola d' Elba

Servizio civile e ASL, candidature prorogate al 22 febbraio

Posti disponibili anche all'ospedale di Portoferraio. Tutte le info e il link per la domanda