Portoferraio

Lavori in Piazza Cavour, divieto di sosta e rimozione forzata

Un'ordinanza del comune valida dal 21 novembre fino al termine dei lavori

Un’ordinanza del comune di Portoferraio, istituisce il divieto di sosta con rimozione forzata per occupazione di suolo pubblico, in Piazza Cavour, parcheggio fronte Banca Monte dei Paschi di Siena, dalle ore 08.00 del 21 Novembre 2022 fino al termine dei lavori.

Questo il testo

IL COMANDANTE DELLA P.M.

VISTA la richiesta di occupazione di suolo pubblico prot. 29846 del 13/10/2022 per lavori edili, da parte di Landini Simone, in qualità di legale rappresentante della Ditta Landini Srl, con sede In Via Baldasseroni 16 a Firenze –P.Iva 04282280488
VISTA la necessità di dover disporre il divieto di sosta con rimozione forzata nel tratto di strada oggetto della richiesta di occupazione di suolo pubblico per consentire i lavori ;
VISTI gli artt. 5, 6, 7 e 21 del Codice della Strada approvato con D.Lgs. 30.4.1992, n. 285 e s.m.i., nonché gli artt. 31 e seguenti del D.P.R. 16.12.1992, n. 495 e s.m.i., recante “Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada”;
RITENUTO di apportare le necessarie modifiche alla circolazione stradale al fine di consentire il regolare svolgimento dei lavori adottando provvedimenti più efficaci per limitare i disagi e tutelare la pubblica incolumità; VISTO il Decreto Sindacale n. 34189 del 10/11/2022;

O R D I N A

L’istituzione del divieto di sosta con rimozione forzata in Via Piazza Cavour, parcheggio fronte Banca Monte dei Paschi di Siena, dalle ore 08.00 del giorno Lunedì 21Novembre 2022 fino al termine dei lavori ferma restando la necessità di adottare gli accorgimenti necessari per la sicurezza e la fluidità della circolazione e mantenerli in perfetta efficienza sia di giorno che di notte.

DISPONE

che l’apposizione di idonea segnaletica e il rispetto delle condizioni di sicurezza del traffico, mediante l’utilizzo di movieri sono a carico della ditta esecutrice le opere La ditta dovrà predisporre la delimitazione dell’area in uso, applicando le norme relative alle modalità ed ai mezzi per la delimitazione disposte dal regolamento del C.d.s., e apposita segnaletica (anche luminosa là dove se ne presentasse la necessità) atta a segnalare l’ingombro dell’area;

AVVERTE

– che ai sensi degli artt. 3, 4° comma, e 5, 3° comma, della Legge 7 agosto 1990, n. 241: – Responsabile del procedimento è il Comandante del Corpo di Polizia Locale;
– che nei confronti di eventuali trasgressori si procederà a termine delle vigenti norme in materia;
– che in relazione al disposto dell’art. 37, comma 3, del Decreto Legislativo n. 285/1992, nel termine di 60 giorni può essere proposto ricorso, da chi abbia interesse alla apposizione della segnaletica, in relazione alla natura dei segnali apposti, al Ministero dei Lavori Pubblici, con la procedura di cui all’art. 74 del regolamento, emanato con D.P.R. n. 495/1992.
– le Imprese esecutrici dei lavori dovranno adottare tutte le cautele necessarie per evitare situazioni di pericolo per persone, animali o cose e garantire la sicurezza e la fluidità della circolazione nelle restanti diramazioni, mantenendo la perfetta efficienza del cantiere sia di giorno che di notte. L’area di svolgimento delle operazioni di cantiere deve essere adeguatamente segnalata e dovranno essere indicati i percorsi alternativi, lungo i tratti di strada che lo precedono, mediante l’installazione dei segnali stradali temporanei in conformità a quanto disposto dall’art. 21 del Codice della Strada, con le modalità previste dagli artt. 31 e seguenti del D.P.R. 495/92 (Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada) sollevando l’Ente comunale e i suoi funzionari da qualsiasi responsabilità o danno nei confronti di terzi per effetto dell’occupazione stradale e del restringimento della carreggiata.
E’ a carico della Ditta esecutrice dei lavori, inoltre, quanto segue:
– l’informazione alla cittadinanza dovrà avvenire mediante idonei cartelli di avviso;
-il ripristino delle condizioni di decoro, di posa dell’arredo urbano preesistente e igienico sanitarie dei luoghi in uso; –
– l’oscuramento della segnaletica permanente in eventuale contrasto con quanto disposto dalla presente ordinanza;
– l’invio della prescritta dichiarazione di avvenuta apposizione di segnaletica ai sensi della L.. 445/00, da effettuarsi a mezzo fax al numero 0565/937253, prima della decorrenza del presente atto.
– il rispetto del disciplinare tecnico di cui al decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 10.07.2002 (G.U. n. 226 del 26.09.2002;
– Il Corpo di Polizia Locale, al pari degli Organi di cui all’art 12 del D.Lgs n 285\1992, restano autorizzati ad adottare ogni tipo di intervento atto a garantire il regolare e sicuro svolgimento delle condizioni relative al traffico e alla viabilità e della corretta esecuzione della presente Ordinanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Un incontro per parlare di guerra, energia e rigassificatore

Sabato 10 dicembre, alle 15:30, presso la sede di Exodus. Necessaria la prenotazione

Giulia Anichini si laurea in scienze del turismo

La tesi redatta con uno studio dei documenti dell'archivio storico delle miniere