L’Alberghiero incontra il Consorzio Tutela della Finocchiona

L'esperienza dei ragazzi elbani della Terza enogastronomia con altre realtà regionali

 

Nell’ambito del progetto “Viaggiando attraverso le eccellenze enogastronomiche toscane”, coordinato dal prof. Gennaro Bellomo con la collaborazione della prof.ssa Roberta Di Biase, i ragazzi e le ragazze della Terza enogastronomia hanno incontrato il Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP, nella persona del suo Direttore Francesco Seghi. Il progetto ha come obiettivo quello di permettere ai ragazzi di approfondire la conoscenza diretta delle specificità della cucina locale e regionale. Al termine del calendario degli incontri si svolgerà un contest culinario d’Istituto che premierà i migliori piatti realizzati dai ragazzi con i prodotti conosciuti durante il progetto.

I ragazzi della Terza enogastronomia guidati dal prof. Bellomo, dalla prof.ssa Fortuna Sarappa che ha coordinato l’allestimento della sala, dall’assistente tecnico di cucina Vincenzo Carlucci e di sala e bar Claudio Marzano, hanno studiato la tutela della Finocchiona IGP, le sue qualità e caratteristiche, interagendo con il Direttore Seghi attraverso domande e curiosità. L’incontro e poi proseguito con la degustazione della Finocchiona IGP, nell’ottica di un apprendimento che si realizza attraverso una relazione diretta con il proprio oggetto. “Per noi del Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP è fondamentale poter dialogare con gli alunni delle scuole” ha dichiarato il Direttore Seghi che ha aggiunto come “formare ed informare i ragazzi è importante non solo per il loro percorso di studi ma anche per fare in modo che diventino consumatori consapevoli e informati” e per questo si augura che possano esserci ulteriori occasioni future di collaborazione con la scuola.

All’incontro è intervenuta anche la Dirigente Scolastica prof.ssa Alessandra Rando, che ha sottolineato l’importanza per arricchire il percorso dei ragazzi dell’Istituto Alberghiero di momenti di approfondimento con professionisti formati sulle caratteristiche e sulla filiera produttiva delle eccellenze del patrimonio enogastronomico toscano.

 

 

Istituto Statale d’Istruzione Superiore “R. Foresi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Piano di dimensionamento della scuola e offerta formativa

L'istituto Cerboni di Portoferraio ha chiesto l’apertura dell’istituto tecnico nautico