Completata la bonifica dell’amianto a Masso alla Quata

Legambiente ringrazia l'Unione di Comuni Colline Metallifere e le istituzioni interessate

L’Unione di Comuni montana Colline Metallifere ha comunicato ufficialmente l’ultimazione dei lavori di bonifica della copertura in eternit dell’ex osservatorio antincendio di Masso alla Quata, nel Parco Nazionle Arcipelago Toscano e nel Comune di Campo nell’Elba, la cui pericolosità per escursionisti e bikers era stata segnalata a fine marzo da Legambiente.

In una nota inviata a Ente Parco, Regione Toscana, Comune, Carabinieri e Legambiente, il responsabile del Servizio Patrimonio e Foreste e Protezione Civile Associata, Marco Pollini, sottolinea che «In riferimento alla nota ns. prot. n. 5948 del 06 aprile 2022 con cui veniva presa in carico la messa in sicurezza del punto fisso di avvistamento censito come opera AIB – PF001L in loc. Masso alla Quata in Comune di Campo nell’Elba, si comunica l’ultimazione dei lavori di rimozione dell’eternit e di ulteriori rifiuti e materiali presenti all’interno della struttura. L’intervento ha altresì consentito la messa in sicurezza delle strutture in muratura pericolanti. E’ utile precisare che la struttura è al momento priva di copertura e che tale intervento non è considerato prioritario visto il mancato utilizzo come punto di avvistamento AIB. A tal fine l’Ente si rende disponibile, qualora vi sia interesse, a mettere a disposizione la struttura anche attraverso forme di comodato d’uso, al fine di un riuso ai fini escursionistici della stessa, una volta ultimate le procedure di declassificazione come infrastruttura AIB. La proficua collaborazione tra istituzioni e cittadini unite all’interesse pubblico ha permesso una efficace gestione del territorio, pertanto si coglier l’occasione per ringraziare tutti gli attori coinvolti in questa vicenda».

Legambiente Arcipelago Toscano ringrazia l”Unione di Comuni montana Colline Metallifere e tutte le istituzioni interessate per l’intervento su una situazione pericolosa che ha nuovamente reso disponibile senza rischio uno dei punti panoramici più belli dell’Isola d’Elba e accoglie con favore la proposta avanzata dal Dottor Pollini per un riuso escursionistico della struttura, a cominciare dal miglioramento dell’accesso al punto panoramico anche attraverso il posizionamento di una piccola ferrata che renda più agevole l’accesso, anche con una migliore segnalazione e manutenzione del piano di calpestio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

I complimenti di Legambiente alla Capitaneria

Per l'operazione di polizia ambientale la scoperta di ormeggi abusivi

Hotel Caminetto, i cinghiali devastano il prato della piscina

Clienti spaventi e danni ingenti. "Non è la prima volta, è urgente una soluzione"