L'intervento

Il rigassificatore è un frutto avvelenato della guerra

di Graziano Rinaldi - Elba Consapevole

Chi pensava che l’embargo dell’Unione Europea al gas russo potesse spingere verso le energie rinnovabili, o era in malafede o si sbagliava.
Mai come in questa guerra è chiaro che alle élite europee e nazionali niente importa dell’ambiente e della salute. La loro priorità è l’obbedienza cieca alla NATO, anche se questo comporta la distruzione della diplomazia, dell’economia, della società, dell’ambiente, della salute, delle culture e delle sovranità nazionali. Figuriamoci cosa rappresenta Piombino, l’Elba e la costa toscana per l’Europa e per il Governo Italiano che si è potuto perme ere, da dimissionario(!), di stanziare altri 7 miliardi e 328 milioni per il riarmo nazionale! Non per la scuola o la sanità, per le armi.
In questo cao co, emergenziale ed apocali co neo-feudalesimo post moderno, una cosa è certa: il gas non è un’energia rinnovabile.
Infa la molecola di metano CH4, su una durata media di cent’anni, è 25 volte più efficiente della CO2 nel causare l’effe o serra(!). In più “il Gnl comporta emissioni equivalen di CO2 due volte e mezzo maggiori rispe o a quelle emesse dal gas che arriva via gasdo o”. Sommiamo a questo dato già nega vo, quello che deve essere portato ad una temperatura di -160°! Un’operazione assurda dal punto di vista della chimica industriale, poiché per essere u lizzato è necessario portarlo di nuovo alla temperatura originaria… Viene liquefa o (1 metro cubo di gas liquido equivale a 620 metri cubi allo stato gassoso, ecco perché quando esplode è così catastrofico) per essere trasportato con le navi gasiere, bombe vagan da un oceano all’altro, aggiungendo così inquinamento ad inquinamento.
Un’operazione tu ’altro che ecologica, ma approvata da tu i par del nostro parlamento nel momento in cui hanno deciso di aderire alla folle avventura della guerra alla Federazione Russa.
In nome dell’emergenza però anche le persone dotate di spirito cri co si tacciono, lasciando mano libera a chi sta al mone della nave in tempesta, fosse pure un drago.
Sarà per questo che lo scorso 5 luglio abbiamo sen to il presidente Ma arella pronunciare parole tanto felpate quanto ipocrite in quel di Maputo, capitale del Mozambico, paese ricco di gas e di poveri.
Difficile che il nostro presidente non sappia che il governo del Mozambico, ha espropriato, anch’esso in nome del bene colle vo, molte terre per costruire gli impian industriali di sfru amento del gas sulla costa se entrionale. Il “bene colle vo”del presidente Mozambicano si è manifestato distruggendo e inquinando un habitat naturale cos ero degno di riserva della biosfera Unesco. Le popolazioni locali che vivevano dignitosamente di pesca e agricoltura, sono state malamente scacciate e chi si oppone viene “convinto” da bande mercenarie che uccidono e stuprano.
Durante l’incontro col suo omologo, Ma arella ha parlato di offrire “nuove opportunità ai giovani”, ma gli unici che acchiappano l’opportunità sono una ristre a élite africana e le statunitensi Exxon Mobil e Shell, la francese Total, la britannica BP, l’italiana Eni e altre. Insomma un governo “che ha favorito lo sfru amento delle enormi risorse locali da parte di mul nazionali straniere senza benefici per la popolazione” (Nigrizia luglio-agosto 2022).
Colonialismo duro e puro, di questo si tra a, presidente Ma arella! Altro che “opportunità di sviluppo” e di “collaborazione”.
E’ anche vero che non dovremmo aspe arci verità e gius zia da una classe poli ca imbelle che ha calpestato la Cos tuzione e in nome di un presunto bene pubblico ha, prima diviso demagogicamente il popolo, per poi distruggere la vite di milioni di persone, infine cimentandosi in una guerra per procura nel più totale asservimento.
Siamo dei colonizza cui viene permesso di colonizzare popoli ancora più sfortuna di noi.
Chi lo a contro il rigassificatore di Piombino deve aver ben chiaro che la radice del problema sta nella sudditanza dell’Italia e dell’Unione Europea agli USA e nell’inevitabile, terribile violenza che ne deriva. Ambiente e guerra non sono compa bili, chi ha votato in parlamento per il riarmo, chi appoggia il folle volo della NATO e la guerra, potrà definirsi green, ma non potrà mai essere dalla parte di chi veramente lo a per la salute, la sicurezza e l’ambiente del proprio territorio e meno ancora per le libertà fondamentali sancite nella nostra Cos tuzione.
Graziano Rinaldi – Elba Consapevole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Sussidi Covid, interpellanza della minoranza

La " Lista per Marciana Marina" chiede chiarimenti sulle somme assegnate dal Governo

La Stampa Estera in Italia premia anche Montefabrello

I premiati 2022 al Teatro di Portoferraio e poi cena alla villa napoleonica a S. Martino