Eradicazioni di specie animali, il caso del muflone del Giglio

di Marcello Camici

Big european moufflon in the nature habitat

Uno studio multidisciplinare sulla genetica del muflone dell’isola del Giglio è stato appena  pubblicato (28 luglio 2022)  in un numero speciale della  rivista scientifica Diversity col titolo Islands as Time Capsules for Genetic Conservation: The Case of the Giglio Island Mouflon”, ovvero “Le isole come capsule temporali per la conservazione della diversità genetica: Il caso del muflone dell’Isola del Giglio”. (M Barbato et al. https://www.mdpi.com/1424-2818/14/8/609 )

Lo studio è stato condotto con una metodologia di studio fondata su marcatori mitocondriali e nucleari.

I ricercatori  hanno confrontato il DNA dei mufloni dell’isola del Giglio con quello di mufloni provenienti da Corsica e Sardegna. Già dai primi risultati sono emerse le peculiarità di questa popolazione. I mufloni del Giglio possiedono varianti genetiche non più presenti nella popolazione sorgente che si è rivelata essere quella Sarda.

I ricercatori concludono che il muflone del giglio rappresenta perciò una perla della  biodiversità in quanto elemento unico di  biodiversità poichè rivela un DNA ancestrale altrove perduto che va conservato e non eradicato come indicato dal parco nazionale dell’arcipelago toscano.

MARCELLO CAMICI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Rigassificatore Piombino, “Il progetto non dà rassicurazioni”

Landi: "Il commissario/presidente della Regione intervenga per difendere la sua gente"

Terra Nostra: “Dove sono le persiane del Parco Minerario?”

Il gruppo consiliare ha presentato in merito un'interrogazione al sindaco Corsini