,

C’è Portoferraio nel “Piano per l’arte contemporanea”

Sarò valorizzatata la collezione d'arte contemporanea donata da Italo Bolano

foto R.Ridi

Il progetto “Italo Bolano Open Access: strategie innovative per l’accessibilità” presentato dal Comune di Portoferraio, è tra i 4 progetti selezionati in tutta Italia nell’ambito dell’avviso pubblico ‘Piano per l’Arte Contemporanea 2021’ promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea–Ministero della Cultura, sezione IV – Valorizzazione di donazioni. La seconda edizione del Piano per l’Arte Contemporanea è stata promossa con lo scopo di selezionare proposte progettuali finalizzate ad incrementare il patrimonio di arte contemporanea, oltre che tramite il finanziamento di acquisizioni, anche attraverso il sostegno alla produzione di nuove opere, all’acquisizione di collezioni e alla valorizzazione di donazioni già ricevute dai luoghi di appartenenza pubblica. In questo contesto il Comune di Portoferraio ha presentato un progetto innovativo che si propone di valorizzare la collezione d’arte contemporanea del maestro elbano Italo Bolano, ricevuta in donazione nel corso degli ultimi anni, tramite l’allestimento di una nuova sezione espositiva all’interno di alcuni spazi dismessi di proprietà dell’ente che fanno parte del circuito museale della città. Il finanziamento ottenuto, pari a 95.610 euro, consentirà l’allestimento di un nuovo spazio museale dedicato all’arte e alla creatività contemporanea all’interno delle Fortezze Medicee della città e  l’utilizzo di nuove e moderne tecnologie digitali per l’inclusione sociale e per l’accessibilità museale. Le azioni previste sono: attività educative destinate alle scuole incentrate sui linguaggi espressivi dell’arte contemporanea e sulla storia del territorio, audio guide multilingua, video guide con la Lingua dei Segni Italiana per non udenti, percorsi in realtà aumentata che permetteranno di animare le opere d’arte e di realizzare un cartone animato il cui protagonista sarà proprio l’artista isolano, catalogazione digitale delle opere e  realizzazione di un catalogo. Il progetto, curato da Valentina Anselmi, direttore del Sistema Museale dell’Arcipelago Toscano, prevede anche la collaborazione con le Università tramite l’erogazione di borse di studio destinate a studenti per lo studio e la catalogazione delle opere, e la virtuosa collaborazione pubblico-privato rappresentata dai rapporti con la Fondazione Italo Bolano Ets.

“Il finanziamento ottenuto – spiega Valentina Anselmi – rappresenta un’occasione di rilancio per i Musei Civici della città e risponde ad una duplice esigenza del territorio: destinare spazi pubblici alla creatività contemporanea e, nello stesso tempo, sottolineare il rilevante interesse culturale della collezione d’arte e del suo autore Italo Bolano, profondamente legati alla storia e alla cultura del territorio”.

Una risposta a “C’è Portoferraio nel “Piano per l’arte contemporanea”

  1. Gianluca Bisso Rispondi

    Complimenti a Valentina Anselmi per l’importante finanziamento ottenuto!
    Italo Bolano ha donato le sue opere tra il 2017 e il 2019, rendendo possibile l’inaugurazione del primo museo di arte contemporanea di Portoferraio.
    La valorizzazione del patrimonio artistico è la strada da seguire per destagionalizzare l’Elba con iniziative culturali rivolte anche ai più giovani, che hanno bisogno di vivere un rinascimento artistico.

    1 Agosto 2022 alle 13:36

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Ritrovata viva la donna scomparsa il 14 agosto da Procchio

E' stata individuata su una scogliera poco prima delle 20 e trasportata all'ospedale

Ritrovato il cane della persona scomparsa, ricerche in corso

Trovato anche il cellulare della donna, si cerca in mare. Ecco chi è la scomparsa

Procchio, ancora nessuna notizia della donna scomparsa

Attivo il presidio di coordinamento dei Vigili del Fuoco, ricerche spostate verso il mare