Posidonia a Spartaia: ecco come stanno realmente le cose

di Amministrazione Comunale di Marciana


A seguito delle richieste di chiarimento sulla posidonia della spiaggia di Spartaia preme comunicare quanto segue:
La Posidonia oceanica è una pianta che sui fondali che godono di buona salute forma vere e proprie praterie preziose per la vita marina; in quanto pianta ha foglie che cadono e arrivano sulla spiaggia con le mareggiate. 
Alcuni litorali vedono la presenza alternata di correnti che depositano la posidonia e di altre che, viceversa, la rimuovono; diverso è il caso della spiaggia di Spartaia, che per la propria conformazione geofisica perlopiù riceve, generando gli accumuli detti banquettes. 
Le banquettes difendono i litorali dall’erosione e conseguentemente riducono la necessità di costosi rinascimenti; tuttavia nelle zone vocate al turismo le foglie spiaggiate vengono considerate uno sgradevole rifiuto da eliminare, piuttosto che una utile componente naturale dell’ambiente costiero.
Il Ministero competente in materia, riconoscendo il ruolo ecologico delle banquettes, indica tra le principali soluzioni gestionali:
1-      Il mantenimento in loco delle banquettes;
2-      Lo spostamento degli accumuli nell’ambito della stessa spiaggia, per poi riposizionarli sulla battigia a fine stagione.

Tale complessa problematica è stata affrontata inizialmente dall’Amministrazione comunale con una conferenza di servizi con tutti i soggetti interessati e competenti presso la sezione distaccata della Prefettura di Portoferraio, e successivamente, con le strutture ricettive presenti a Spartaia ed ESA Spa (gestore dei rifiuti urbani), per cercare soluzioni alla luce delle ultime novità normative e dei servizi disponibili da parte di ESA (deposito, compostaggio e vagliatura).
A Spartaia ci siamo trovati a dover gestire un grande cumulo di posidonia mista a sabbia e presumibilmente frammenti di rifiuti antropici. Tale materiale misto è stato vagliato così da separare per quanto possibile la posidonia dalla sabbia e dai rifiuti antropici, portando in discarica questi ultimi. 
Si rende noto, che l’attuale tendenza è quella della “spiaggia ecologica” che prevede operazioni educative finalizzate al cambiamento di opinione dei fruitori, verso una rivalutazione della spiaggia naturale. 
L’Amministrazione sta comunque continuando a lavorare su questo annoso tema per cercare di ridurre al massimo il disagio per i fruitori della spiaggia fin già dalla prossima stagione.

3 risposte a “Posidonia a Spartaia: ecco come stanno realmente le cose

  1. Muti luciano Rispondi

    Togliere le concessioni ai privati e rendere libere tutte le spiagge concedere solo la consegna di ombreggiati e sdraio da istallare solo al momento e togliere, alfine di garantire l’accesso a tutti e non solo al dio soldo quando no sono presidiati sarebbe anche utile per rendere nuovamente la costa naturale

    26 Luglio 2022 alle 14:52

  2. Daniela Balestrini Rispondi

    È veramente uno schifo , la nostra Spartaia spiaggia considerata una perla….. ora la gente arriva vede gli accumuli e va via . Inoltre fino a l’ anno scorso il ticket auto costava 50 centesimi , quest’ ‘ anno 1 euro l’ ora . Io di origini elbane a Spartaia ci vado da sempre , è la terza volta che succede di avere questi disagi , e sinceramente mi piange il cuore .

    26 Luglio 2022 alle 7:19

  3. Paolo Gritti (Milano) Rispondi

    Diciamo che l’intera montagna di posidonia depositata sulla sola lingua di spiaggia libera NON È un bel messaggio
    Come negli anni passati andrebbe suddivisa con i vicini stabilimenti balneari e gli hotel.
    Se educazione deve essere VALGA PER TUTTI

    26 Luglio 2022 alle 1:30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Rigassificatore Piombino, “Il progetto non dà rassicurazioni”

Landi: "Il commissario/presidente della Regione intervenga per difendere la sua gente"

Terra Nostra: “Dove sono le persiane del Parco Minerario?”

Il gruppo consiliare ha presentato in merito un'interrogazione al sindaco Corsini